Steno (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Steno
Nome orig.Σθεννώ
EpitetoLa forte
Sessofemmina
Professionedivinità

Steno (in greco antico: Σθεννώ) è un personaggio della mitologia greca, una delle tre Gorgoni e rappresentava la perversione morale.

Genealogia[modifica | modifica wikitesto]

Sorella di Medusa ed Euriale, era figlia di Forco e di Ceto[1].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Contrariamente a Medusa, lei ed Euriale erano immortali (ma per Virgilio erano mortali tutte e tre le sorelle).

È considerata la più forte e feroce delle tre sorelle in quanto uccise più uomini lei di quanti ne sia stata la somma delle uccisioni delle altre due.

I mitografi sono discordi nell'indicare il luogo dove vivesse, secondo Esiodo si trovava vicino al giardino delle Esperidi.[2] mentre Erodoto suppone che vivesse nella Libia.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gorgoni su Enciclopedia Treccani
  2. ^ Esiodo, Teogonia, libro 270-279.
  3. ^ Erodoto, libro II,91.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luisa Biondetti, Dizionario di mitologia classica, Milano, Baldini&Castoldi, 1997, ISBN 978-88-8089-300-4.
  • Anna Ferrari, Dizionario di mitologia, Litopres, UTET, 2006, ISBN 88-02-07481-X.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122135330 · GND (DE124480896 · CERL cnp00581141
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca