Stadio Brigadier General Estanislao López

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stadio Brigadier General Estanislao López
El Cementerio de los Elefantes
Estadio Brigadier General Estanislao López - Colón de Santa Fe.jpg
Informazioni
StatoArgentina Argentina
UbicazioneSanta Fe
Inizio lavori1946
Inaugurazione1946
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno105 × 70
ProprietarioClub Atlético Colón
GestoreClub Atlético Colón
Uso e beneficiari
CalcioColón (SF)
Capienza
Posti a sedere40.000[1]
Mappa di localizzazione

Coordinate: 31°39′47.58″S 60°43′31.42″W / 31.663217°S 60.725394°W-31.663217; -60.725394

Lo stadio Brigadier General Estanislao López (in spagnolo: Estadio Brigadier General Estanislao López) è un impianto sportivo di Santa Fe, in Argentina. Ospita le partite casalinghe del Club Atlético Colón ed ha una capienza di 40.000 spettatori. È soprannominato Cementerio de los Elefantes, ovvero cimitero degli elefanti, a causa delle numerose vittorie riportate dal Colón contro le grandi del calcio argentino.

Nel 2011 ha ospitato alcune partite della Copa América.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu inaugurato il 9 luglio 1946 con una partita tra il Colón e il Boca Juniors. Il 7 dicembre 1947, in occasione di un clásico santafesino, l'impianto ricevette la visita di Evita Perón alla quale fu intitolato l'impianto. A seguito del golpe del 1955, il nome dello stadio venne modificato in Brigadier Estanislao López, un personaggio storico della provincia di Santa Fe.

A metà degli anni '90, sotto la presidenza Vignatti, lo stadio subì la maggior parte delle sue modifiche. Furono ricostruite la tribuna Est, gli spogliatoi, la tribuna sud e i palchi.

Nel 2009 lo stadio fu scelto dall'AFA come una delle sedi della Copa América 2011. I lavori di ristrutturazione iniziarono nel 2010. Furono costruite una nuova platea sulla tribuna nord, nuovi bagni, e una sala stampa. Nell'estate 2014 le tribune dello stadio furono dipinte di rosso e nero su iniziativa delle associazioni dei tifosi sabaleros.

Il Cimitero degli Elefanti[modifica | modifica wikitesto]

Il soprannome dello stadio è Cimitero degli Elefanti (in spagnolo: Cementerio de los Elefantes) è dovuto ad un preciso evento sportivo: l'incontro tra il Colón ed il Santos di Pelé il 10 maggio 1964. Il squadra brasiliana, campione in carica della Coppa Intercontinentale, veniva da una striscia positiva di 43 partite senza sconfitte. Il Colón invece giocava nella seconda divisione del calcio argentino ed il giorno precedente era uscito sconfitto dall'incontro con il Platense. Nonostante le premesse la partita terminò con la vittoria degli Sabaleros per 2-1 grazie alle reti di López e Gómez. Da quel giorno lo stadio venne soprannominato il Cimitero degli Elefanti[2].

Altre illustri squadre sudamericane uscirono sconfitte dallo stadio Brigadier General Estanislao López: i colombiani del Millonarios, gli uruguaiani del Peñarol, i paraguayani dell'Club Olimpia, i peruviani dell'Alianza Lima, i cileni dell'Club Universidad de Chile e dell'Universidad Católica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio