Differenze tra le versioni di "Ahmad al-Inglizi"

Jump to navigation Jump to search
Sousse punta comunque alla città della Tunisia, la regione marocchina si chiama invece Souss
(Annullata la modifica 96653390 di Avemundi (discussione) regione di souse in marocco, non l'omonima città tunisina)
Etichetta: Annulla
(Sousse punta comunque alla città della Tunisia, la regione marocchina si chiama invece Souss)
Dopo la sua conversione all'islam, inizialmente si unì ai [[corsari barbareschi]] di [[Salé]].<ref> «Ahmed el Inglizi» in ''The Real Guide, Morocco'', Mark Ellingham, Shaun McVeigh Prentice Hall, p. 189 ISBN 9780137836970 </ref>
 
Quando il sultano [[Muhammad III del Marocco|Muḥammad III]] salì al trono vide che la città portuale di Salé era caduta in declino a seguito del [[terremoto di Lisbona del 1755]]. Al contempo volle punire la città di [[Agadir]] togliendole i privilegi commerciali, visto che la regione di [[SousseSouss-Massa|Souss]] era spesso incline alla ribellione contro il potere centrale. Decise quindi di edificare una nuova città portuale e farla diventare il centro principale del commercio con l'estero: [[Essaouira]]. Per edificare la nuova città il sultano scelse le rovine dell'antico possedimento portoghese di [[Mogador]]. Aḥmad al-Injlīzī è noto per aver fortificato la città di [[Essaouira]] (in particolare l'entrata del porto), anticipando l'architetto francese [[Théodore Cornut]] che progettò per conto del sultano gran parte della città, la [[Kasbah]] e i quartieri reali.<ref> Dorothy Hales Gary, Baron Patrick Balfour Kinross, ''Morocco'', Viking Press, p. 1971 </ref>
 
A [[Rabat|Rabāṭ]], Aḥmad restaurò le mura della città e la vecchia [[moschea]] del complesso fortificato, detto [[Kasba degli Oudaïa]], risalente al [[XII secolo]]. <ref> http://books.google.com/books?id=t4hmPoi_CJ4C&pg=PA171 </ref> A Rabāṭ inoltre rafforzò le fortificazioni con la costruzione di nuove strutture, come il Burj Sirat su cui sorge il [[Faro di Rabat]], la fortezza detta Sqala e il Burj al-Dār (Torre della struttura), tutte strutture atte ad assicurare la difesa della costa.<ref>[http://www.qantara-med.org/qantara4/public/show_document.php?do_id=1005 Qantara - Ville de Rabat, remparts andalous et fortifications côtières : Sqala, Borj Sirat, Borj Dâr<!-- Titolo generato automaticamente -->] {{webarchive|url=https://web.archive.org/web/20150203204447/http://www.qantara-med.org/qantara4/public/show_document.php?do_id=1005 |data=3 febbraio 2015 }}</ref>
 
==Note==

Menu di navigazione