Soly Cissé

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Soly Cissé (Dakar, 1969) è un artista senegalese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Soly Cissé nasce a Dakar nel 1969 e fatica a convincere il padre, un medico militare, a permettergli di intraprendere la carriera di artista[1]. Nel 1995 frequenta un laboratorio di fotografia e partecipa alla mostra collegata organizzata dal Centro culturale francese di Dakar. Nel 1996 si diploma alla Scuola d'arte di Dakar.

Nel 2001 rappresenta il Senegal ai Giochi della Francofonia. È selezionato alla Biennale di Dakar 2000 e 2002. Espone all'interno della grande mostra di arte contemporanea africana Africa Remix.

Cissé si esprime con pittura, scultura, fotografia e installazioni. Nelle sue opere pittoriche, si confondono forme ibride di animali e umani.[2]. I soggetti giocano nella dualità tra tradizione e modernità.[3]. Il lavoro di Soly Cissé è influenzato dalle opere di Francis Bacon e Jean-Michel Basquiat.

  • Serie Sinistrés, 2005. Una serie di disegni a carboncino che ritraggono la popolazione senegalese durante i momenti difficili delle inondazioni di settembre 2005[4].
  • Serie Monde perdu, 2005.
  • Serie La Sortie des masques, 2008, serie, olio su tela[5]

Esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Personali[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Monde Perdu, Centro per l'Arte contemporanea Luigi Pecci, Prato, 2005
  • Monde perdu, Parigi, 2005
  • Être pour devenir, Musée des Arts Derniers, Parigi, 2007
  • Museo dell'IFAN, Dakar, Senegal, 2008
  • Mondes Perdus, Influx Contemporary Art, Lisbona, 2010
  • Bestiario, Kyo Noir Gallery, Viterbo, Italy, 2012
  • Physiologus, Kyo Noir Studio, Viterbo, Italy, 2018

Collettive[modifica | modifica wikitesto]

  • Dak'Art 2000: Biennale di Dakar
  • Dak'Art 2002: Biennale di Dakar
  • Africa Remix, Centre Pompidou, 2004-2005
  • Africa Urbis: Perspectives Urbaines, Musée des Arts Derniers, Parigi, 2005
  • Foire internationale des Arts Derniers: Les Afriques 2, 2005
  • Artistes du Sénégal, Museo Dapper, Parigi, 2006
  • Des Hommes sans Histoire?, Musée des Arts Derniers, Parigi, 2006
  • Dak'Art 2006: Biennale di Dakar
  • Africa Remix, Mori Museum, Tokyo, 2006
  • Dak'Art 2008: Biennale di Dakar
  • Toguo/Cissé, Galleria Le Manége, Dakar, 2010
  • Africa 2.0 > is there a 'contemporart african art'? Influx Contemporary Art, Lisbona, 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Biografia sul sito della Galleria Bekris, su bekrisgallery.com. URL consultato il 25 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2012).
  2. ^ Olivier Sultan, in Art actuel, n° 61, mars-avril 2009, p. 95
  3. ^ CISSÉ | Soly CISSÉ. PAINTINGS, SCULPTURES and INSTALATIONS > visit Soly Cissé 's gallery for available works
  4. ^ Dettagli delle serie presentati alla Biennale di Dakar del 2006, su biennaledakar.org. URL consultato il 25 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  5. ^ Art actuel, loc. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Soly Cissé: neue Kunst aus dem Senegal: Katalog zur Ausstellung im Rautenstrauch-Joest-Museum, Köln, catalogue de l'exposition, Cologne, 1999.
  • (EN) Joanna L. Grabski, Dakar's Urban Landscapes: Locating Modern Art and Artists in the City in African Arts, vol. 36, 2003.
  • (ENFRIT) Bruno Corà (a cura di), Soly Cissé. Disegni, 1999-2000, Firenze, Artout-m&m-Maschietto Editore, 2002. ISBN 88-87700-88-5.
  • (FR) Patrick Descamps, Soly Cissé : dessinateur, Montreuil, Œil, Les Carnets de la création, 2005, 24 p. ISBN 2912415926.
  • (FR) Fabrice Hervieu-Wane, Professionnel en quête d'excellence in Dakar l'insoumise, Éditions Autrement, Paris, 2008, p. 68-73.
  • (FR) Kaani le livre, Soly Cissé: Réflexivité, Maturité, Éditions Le Desk, 2008, 200 p. ISBN 978-2-9528413-2-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN43943434 · ISNI (EN0000 0001 2130 1775 · LCCN (ENno2001009334 · GND (DE12892053X · BNF (FRcb14651132x (data) · BNE (ESXX4797814 (data) · ULAN (EN500126032 · WorldCat Identities (ENlccn-no2001009334