Siniša Ubiparipović

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Siniša Ubiparipović
Sinisa8.JPG
Nazionalità Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Altezza 175 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Indy Eleven
Carriera
Squadre di club1
2005 Cleveland Int. 2 (0)
2006-2007 Chicago Fire Premier 12 (3)
2007 Minnesota Thunder 1 (1)
2008-2011 N.Y. Red Bulls 53 (1)
2012-2013 Montréal Impact 16 (2)
2014-2015 Ottawa Fury 37 (7)
2016- Indy Eleven 0 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Siniša Ubiparipović (Zenica, 25 agosto 1983) è un calciatore bosniaco, centrocampista dell'Indy Eleven.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

È arrivato negli Stati Uniti nel 1999, dopo che la sua famiglia era fuggita da Belgrado, per evitare la guerra in Bosnia.[1]

Ubiparipović ha cominciato la carriera nell'Università di Chicago, nel 2002, prima di passare a quella di Akron, dove è rimasto dal 2004 al 2006. Proprio ad Akron, gli è stato assegnato il premio NSCAA All-American nel 2005 e nel 2006. Ha poi giocato per i Cleveland Internationals e il Chicago Fire Premier. Ha giocato anche per i Minnesota Thunder, anche se per una sola gara, in cui è riuscito ad andare perfino in rete.

Ubiparipović è stato selezionato dai Red Bulls nel terzo turno del SuperDraft 2007. Nella sua prima stagione, ha giocato in dodici incontri, sia durante il campionato che nei play-off. Ha poi iniziato il campionato 2008 da titolare, nel centrocampo dei Red Bulls. Ha avuto una stagione di alti e bassi, come il suo team, ed ha anche perso il posto. I Red Bulls si sono qualificati solo all'ultima giornata per i play-off e Ubiparipović è stato sorprendentemente inserito nella sfida contro i campioni in carica dello Houston Dynamo. Il bosniaco ha aiutato la sua squadra a superare, a sorpresa, i texani e ha anche segnato una rete.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Soccer a comfort in the face of war, MLS.net. URL consultato il 4 gennaio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]