Simone Filippo di Lippe-Detmold

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Simone Filippo di Lippe-Detmold (Detmold, 6 aprile 1632Firenze, 19 giugno 1650) è stato Conte di Lippe-Detmold dal 1636 dal 1650.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Egli era il figlio maggiore del Conte Simone Luigi di Lippe-Detmold e di sua moglie, Caterina di Waldeck.

Alla morte del padre, nel 1636, Simone Filippo era come i suoi fratelli ancora molto piccolo ed inadatto a succedere al trono paterno. La Cotnessa Caterina svolse perciò il ruolo di tutrice dei suoi figli, ma quando Simone Filippo raggiunse i 24 anni ella decise di consultarsi col padre, il Conte Cristiano di Waldeck per una sua tutela, ma Giovanni Bernardo, fratello del defunto conte, si oppose e prese la reggenza per conto del nipote.

Per il terrore che il cognato volesse addirittura uccidere il nipote per impossessarsi del suo legittimo trono, la Contesdsa Caterina diede ordine alle truppe di rapire il piccolo Conte (avvalendosi dell'aiuto della vicina Assia), che venne portato a Lemgo. Successivamente, madre e figlio si spostarono a Marburg sotto la tutela del Langravio Giorgio II d'Assia-Darmstadt, dal momento che anch'egli era imparentato con il defunto Simone VI.

Nel 1646 il vaiolo uccise anche i fratelli minori di Simone Filippo e la madre si era risposata con il Principe Filippo Luigi di Holstein-Wiesenburg, divenendo Duchessa di Holstein - tentò un secondo rapimento del figlio nel 1647 ma questa volta Simone Filippo tornò a Detmold per prendere definitivamente le redini della reggenza. Qui si sposò con la Contessa Elisabetta Carlotta di Holzappel. Viaggiò successivamente, dal 1649, a Parigi, a Grenoble, a Roma, a Milano ed infine a Firenze, dove morì anch'egli di vaiolo nel 1650.

Dal momento che Simone Filippo era morto senza aver potuto dare alla luce degli eredi, la reggenza venne ottenuta da suo zio Giovanni Bernardo, che divenne Conte di Lippe-Detmold per i due anni successivi.

Predecessore Conte di Lippe-Detmold Successore
Simone Luigi 1636-1650 Giovanni Bernardo