Shuja ul-Mulk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shuja ul-Mulk
Shuja ul-Mulk.jpg
Mehtar di Chitral
Stemma
In carica 18951936
Incoronazione 1895
Predecessore Amir ul-Mulk
Successore Nasir ul-Mulk
Nascita Chitral, 1 gennaio 1881
Morte Chitral, 13 ottobre 1936
Luogo di sepoltura Shahi Masjid Chitral
Dinastia Katoor
Padre Aman ul-Mulk
Religione islamismo

Shuja ul-Mulk (Chitral, 1 gennaio 1881Chitral, 13 ottobre 1936) è stato un principe indiano. È stato Mehtar di Chitral dal 1895 al 1936.[1][2][3][4][5][6][7][8][9]

Il suo regno venne contraddistinto da un periodo di pace.[10][11] He introduced widespread and far-reaching changes and administrative reforms.[12][13] Shuja ul-Mulk rese importanti servigi all'impero britannico durante la terza guerra anglo-afghana[14][15][16] ottenendone in cambio onori e riconoscenza.[17][18][19] Gli venne garantito un saluto onorifico personale a 11 colpi di cannone a salve,[20][21] e il trattamento di Altezza.[22][23]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni, i tumulti politici e l'ascesa al trono[modifica | modifica wikitesto]

Shuja ul-Mulk nacque nel 1881 a Chitral.[24] Era il figlio secondogenito del mehtar Aman ul-Mulk,[25] "il Grande" di Chitar,[26][27][28] che regnò sullo stato dal 1857 al 1892,[29][30] periodo nel quale lo stato raggiunse il proprio pico di espansione territoriale. La madre di Shuja ul-Mulk era una principessa indiana, figlia del khan di Asmar.[31]

Quando il mehtar Aman ul-Mulk morì nel 1892, scoppiò una lunga guerra di successione tra i suoi figli,[32] con Umra Khan di Jandol e Sher Afzul sullo sfondo,[33]; il conflitto perdurò tre anni.[34] Durante il periodo di regno del padre, Nizam ul-Mulk era stato riconosciuto erede al trono.[35] Ad ogni modo Afzal ul-Mulk si trovava a Chitral mentre Nizam era assente perché impegnato nella Valle dello Yasin. Afzal prese prontamente le armi e il tesoro che si trovava al forte di Chitral e si proclamò nuvoo mehtar,[36] procedendo quindi ad assassinare i suoi fratelli che egli vedeva come suoi potenziali contendenti al trono.[37][38] Nel frattempo, inviò una lettera al viceré d'India, Henry Petty-Fitzmaurice, V marchese di Lansdowne ed al segretario di stato per gli affari esteri britannico, annunciando loro la morte di suo padre e la sua ascesa al trono locale, col consenso del popolo e dei suoi fratelli.[39] Ad ogni modo, dopo solo alcuni mesi di regno, il mehtar venne ucciso da suo zio Sher Afzul, proveniente da Kabul, il quale attaccò il forte di notte uccidendolo coi suoi seguaci.[40] Durante questo periodo Nizam ul-Mulkera rimasto ospite degli inglesi nel Gilgit.[41] Quando Nizam fece ritorno in patria riuscì a spodestare Sher Afzul che ancora una volta fuggì a Kabul.[42] Nizam ul-Mulk venne ucciso il 1° gennaio 1895 mentre si trovava a caccia dall'ingrato suo fratello Amir ul-Mulk, al quale aveva risparmiato la vita in precedenza.[43] Amir, inviò una delegazione al tenente Bertrand Evelyn Mellish Gurdon, residente politico britannico a Chitral, chiedendogli il riconoscimento quale nuovo mehtar, ma egli disse di dover attendere istruzioni dal governo inglese a tal proposito.[44]

L' 8 gennaio 1895, 50 uomini del 14th Sikhs marciarono da Mastuj per unirsi a Gurdon a Chitral.[45] Il 1° febbraio l'agente britannico giunse dal Gilgital passo di Shandur con una scorta comandata dall'allora capitano Charles Vere Ferrers Townshend dei Central India Horse, composta da 280 uomini del 4th Kashmir Rifles e da 33 uomini del 14th Sikhs al comando del tenente Harley.[46]

Gli scontri proseguirono e con la vittoria degli inglesi, questi decisero di installare sul trono un personaggio a loro favorevole nella persona di Shuka ul-Mulk.[47][48][49] con un durbar che si tenne al forte di Chitral il 2 settembre 1895.[50] Malgrado la sua giovane età, ad ogni modo, venne sottoposto ad un consiglio di reggenza sino al raggiungimento della maggiore età.

La formazione dei Chitral Scouts (1903) e della State Bodyguard Force (1909)[modifica | modifica wikitesto]

Su invito del governo inglese, Shuja ul-Mulk nel 1903 collaborò alla creazione dei Chitral Scouts,[51] una forza reclutata in loco col compito di difendere le terre di Chitral senza impegnarvi ulteriori forze inglesi.[52][53][54][55] Inizialmente il corpo era composto da 1000 uomini al comando di ufficiali britannici, ma gradualmente il passaggio andò ai locali e ne venne incrementato il numero.[56][57][58] Per contro le State Bodyguards disponevano di miglior formazione e armamento.[57][59]

Nel 1909, infatti, venne creata una forza d'élite composta da sei compagnie, ciascuna composta da 110 uomini, denominate State Bodyguard Force. Shuja ul-Mulk come mehtar ne venne nominato comandante in capo. Le compagnie crebbero sino al numero di 40, contando in tutto 4000 uomini.[59][60][61] Queste ebbero un ruolo fondamentale nella difesa di Chitral durante la terza guerra anglo-afghana del 1919.[62][63]

Il regno (1895–1936)[modifica | modifica wikitesto]

Shuja ul-Mulk regnò sotto un consiglio di reggenza sino alla sua maggiore età quando venne investito dei pieni poteri.[64][65][66][67] Govenrò per 41 anni durante i quali Chitral visse un periodo di pace. Egli stesso visitò l'India e incontrò molti dei suoi pari. Nell'inverno 1899–1900, Shuja ul-Mulk in compagnia del comandante dell'agenzia del Gilgit si portò in visita al viceré d'India a Calcutta.[68] Fu la prima di una serie di visite che ampliarono di molto i suoi orizzonti mentali.[69] Nel maggio del 1902, presenziò al durbar viceregale che si tenne a Peshawar.[70][71] Venne invitato al Delhi Durbar che si tenne nel 1903 dove ottenne l'onorificenza di compagno dell'Ordine dell'Impero indiano.[72] Nel 1903 il comandante in capo delle forze britanniche in India, lord Kitchener che era impegnato in una serie di ispezioni al fronte assieme al generale Hubert Hamilton ed a sir William Birdwood, si portò in visita a Chitral. Shuja ul-Mulk gli concesse una calorosa accoglienza e colse poi l'occasione per installare una linea telegrafica tra Chitral ed il Gilgit.[73]

Durante linverno del 1904–1905 visitò nuovamente l'India e l'anno successivo incontrò il principe del Galles, Giorgio Federico Alberto (futuro Giorgio V del Regno Unito) in un party alla Government House di Peshawar.[74][75][76] Si portò a Simla nel settembre del 1907 per dieci giorni ed ottenne un'udienza col viceré Lord Minto.[77][78]

Shuja ul-Mulk presenziò al Delhi Durbar del 1911 con Giorgio V incoronato imperatore.[77][79] Nel 1911 Shuja diede commissione a Muhammad Ghufran di scrivere un'opera sulla storia della città di Chitral e del suo regno. Venne infine pubblicato quello che è noto col nome di "Tarikh-i-Chitral", scritto in persiano e terminato ufficialmente nel 1921.[80] Nel maggio del 1918 Sir George Roos-Keppel visitò Chitral per ottenere il supporto del mehtar in caso di ripresa degli scontri. L'ufficiale britannico venne ricevuto con i massimi onori ed ottenne le rassicurazioni volute dal mehtar.[81][82] Nel 1919, in riconoscenza della lealtà e dei servizi tributati nella recentemente conclusa terza guerra anglo-afghana, Shuja ul-Mulk ottenne un saluto personale di 11 colpi di cannone a salve,[83][84] oltre alla nomina a cavaliere comandante dell'Ordine dell'Impero indiano,[85][86] col titolo di Altezza dal 1920.[87][88] Il saluto ed il titolo vennero resi ereditari ai suoi successori nel 1932.[89]

Nel 1921 Shuja ul-Mulk visitò nuovamente l'india per incontrare il principe di Galles, Edoardo, (poi Edoardo VIII del Regno Unito) ad Ajmer a novembre. Trascorse due giorni alla residenza vicereale di Delhi come ospite del viceré Lord Reading. Si portò quindi a visitare Indore, Bombay e infine giunse a Jammu dove venne ricevuto da Pratap Singh.[90][91] Nel 1923 Lord Rawlinson, il comandante in capo delle forze britanniche in India, in un giro di ispezione alla frontiera settentrionale, si portò in visita a Chitral e venne ospitato dal mehtar.[92][93][94]

Nel 1923–1924, Shuja ul-Mulk si portò in pellegrinaggio a La Mecca per il tradizionale Hajj.[95] Il viaggio iniziò a novembre del 1923 quando Shuja lasciò Chitral e proseguì alla volta di Peshawar, Delhi e Bombay. Qui si imbarcò e procedette per Basra, Baghdad, Gerusalemme, Jeddah, La Mecca e Medina. A Medina rimase ospite di re Hussein bin Ali. Tornò a Chitral nell'agosto del 1924.[96][97][98] In quell'anno il feldmaresciallo Sir William Birdwood visitò Chitral e venne ospitato dal mehtar.[99][100]

Shuja era amico personale di Sir Sahibzada Abdul Qayyum che in precedenza era stato agente politico a Chitral.[101] Su suo incoraggiamento, il matrha inviò 20.000 rupie all'Islamia College di Peshawar, una delle più importanti istituzioni islaiche in India all'epoca.[102] Venne eletto presidente del medesimo collegio nel 1928.[103]

Nel 1926 Shuja ul-Mulk prese parte al durbar viceregale tenutosi a Peshawar. Visitò nuovamente l'India nel 1928 dall'8 ottobre al 1° dicembre di quell'ann. Durante la sua visita venne accompagnato dall'agente politico britannico a Chitral. Shuja iniziò il suo viaggio visitando lo stato di Swat dove fu ospite del wali locale a Saidu Sharif, procedendo quindi alla volta di Peshawar dove fu ospite di Sir Norman Bolton prima di imbarcarsi alla volta dello stato di Rampursu invito del nawab Sir Hamid Ali Khan. Shuja visitò anche il Prince of Wales Royal Indian Military College di Dehradun dove arruolò i suoi figli. A Delhi ottenne un'udienza col viceré Lord Irwin.[104][105] Nel novembre del 1931, visitò nuovamente l'India e si incontrò col viceré Freeman Freeman-Thomas, I marchese di Willingdon col quale discusse della politica inglese nella frontiera nordoccidentale e delle prospettive future. Tornato a Peshawar rimase diverso tempo in città ospite del governatore Ralph Griffith per poi tornare a Chitral in aereo il 27 aprile 1932.[106]

Riforme legali[modifica | modifica wikitesto]

Per secoli il mehtar di Chitral era stato l'unica fonte del sistema giudiziario locale. Secondo il colonnello John Biddulph "l'amministrazione della giustizia era praticamente regolata solo dalla volontà del sovrano, anche se nominalmente erano rispettati i precetti della sharia". Ad ogni modo il mehtar è facile intuire come non potesse sovrintendere a tutte le dispute, e pertanto si ha ragione di credere che la maggior parte dei casi utilizzassero la sharia come metodo legislativo.[107][108]

Sino alla morte di Aman ul-Mulk nel 1892, non esistevano tribunali.[109] Le dispute civili erano risolte dal mehtar dopo la consultazione con un tribunale pubblico.[110] Le materie criminali erano decise da una giuria di teologi mussulmani.[111]

La formazione dei primi tribunali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1909, come parte dei suoi sforzi per la riorganizzazione del sistema giudiziario statale, Shuja formò i primi "consigli giudiziali" noti localmente come Kausal.[112] Composti da 10 notabili ciascuno,[113] essi avevano il potere di discutere cause civili e penali.[114][115][116] I casi venivano giudicati perlopiù alla luce della legge di consuetudine o sulla base di precedenti giudizi. Vennero creati anche una serie di appelli, l'ultimo dei quali era di competenza del mehtar, il quale poteva essere appellato direttamente in casi particolari.[117][118]

La Mizan-e-Shariah[modifica | modifica wikitesto]

In quello stesso anno, Shuja fondò la Mizan-e-Shariah ("bilancia della sharia"), un apposito corpo di giuristi chiamato a decisere sulla base della legge islamica. Ognuno di questi tribunali era presieduto da un Qazi-ul-Quza con 4 o 5 teologi al suo seguito, tutti nominati dal mehtar.[119] La sharia era presa come punto di riferimento ad eccezione di casi particolari sottoposti direttamente al mehtar.[120]

Reintegrazione di Mastuj, Laspur e tentativo di reintegrazione della valle dello Yasin[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'ascesa al trono di Shuja, i distretti di Mastuj e Laspur vennero espropriati da Chitral e posti sotto governatori britannici indipendenti.[121][122] Shuja era determinato a recuperare questi territori. Durante una sua visita nel 1899 in India, incontrò il viceré Lord Curzon e gli sottopose il caso dei territori reclamati, che gli vennero infine riassegnati il 13 maggio 1914.[123]

A questo punto il mehtar supplicò le autorità britanniche di restituirgli anche la valle dello Yasin, già parte del regno di Chitral all'epoca di Aman ul-Mulk. Ad ogni modo il maharaka Ranbir Singh di Jammu e Kashmir, successore di Gulab Singh, si oppose all'idea ed anzi si disse intenzionato a mantenere l'area dello Yasin come stato cuscinetto tra i suoi domini e quelli del mehtar. Gli amministratori inglesi appoggiarono in pieno l'idea del maharaja.[124][125]

La terza guerra anglo-afghana (1919)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Terza guerra anglo-afghana.

Nel 1919 Amanullah Khan, emiro dell'Afghanistan, ruppe le sue relazioni con il Regno Unito e dichiarò guerra agli inglesi. L'India stessa venne attaccata su più fronti, incluso Chitral. Shuja ul-Mulk ricevette un'offerta di cambiare bandiera l'8 maggio 1919, ad ogni modo rifiutò l'offeta e si mantenne alleato degli inglesi.[126] I Chitral Scouts ed i Chitral State Bodyguards alcomando di Nasir ul-Mulk combatterono con valore contro gli afghani nel conflitto.[127]

Shuja ul-Mulk ricevette l'ordine dell'Impero indiano nel 1919 per questa fermezza. L'anno successivo ottenne il trattamento di Altezza ed un saluto onorifico personale a 11 colpi di cannone a salve.[22][128] Il govenro indiano gli fece dono di 2000 fucili e diverse munizioni. Altri 300 fucili gli vennero consegnati nel 1925 e altri 700 nel 1927. Nel 1929 ricevette due cannoni sempre in dono agli inglesi.[129]

Altre riforme[modifica | modifica wikitesto]

Shuja ul-Mulk, dopo la sua ascesa al trono, sotto l'influenza della madre e dei commissari inglesi, introdusse una serie di riforme molto vasta che cambiò radicalmente lo stato di Chitral.[130]

Il catasto[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1898, Shuja ul-Mulk con l'assistenza degli inglesi, riorganizzò l'assetto finanziario statale. Per la prima volta, venne elaborato un catasto di tutte le terre e tutti i proprietari per ragioni fiscali, evitando così il più possibile l'evasione fiscale.[114] I registri segnarono anche quali colture erano praticate nelle terre agricole.[131]

Risorse minerarie[modifica | modifica wikitesto]

Shuja ebbe un notevole interesse nello sfruttamento delle risorse minerarie dello stato.[109] In particolare si interessò alle risorse aurifere della regione.[132] Tra gli altri minerali estratti vennero implementate le miniere di orpimento, argento, piombo, antimonio, quarzo, ferrom rame e nitrato di potassio.[108][133] L'esportazione di minerali, ed in particolare di orpimento verso la Cina, si dimostrò un campo fortemente lucrativo.[134][135] Nel 1914, l'esportazione del solo orpimento futtava allo stato 20.000 rupie annue.[136]

L'octroi[modifica | modifica wikitesto]

In estate, quando la neve spariva dal passo di Dorah e da quello di Lowari, beni di vario genere potevano transitare per Chitral.[137][138] Ai mercanti era però richiesto il pagamento di una tassa tradizionale chiamata octroi.[139][140] La sua raccolta venne regolata nel 1919 con quasi 4000 rupie annue di entrata.[141] Queste incrementarono sino a 19.680 rupie nel 1936.[136]

Droghe e narcotici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1902, Shuja regolò il traffico e la vendita di cannabis e oppio prodotti a Chitral e la loro vendita presso i mercati di Kabul, Peshawar, Lahore e Bombay. Al 1928 questa riforma produsse 30.000 rupie annue di guadagni per lo stato.[142]

Legname[modifica | modifica wikitesto]

Il commercio di legname tra Chitral e l'Afghanistan era iniziato nel XIX secolo. Dal momento che il mehtar aveva de facto i diritti di tutte le foreste di Chitral, le rendite di tale commercio andarono ad implementare il tesoro di stato come primo obbiettivo.[137][143] Ad ogni modo, conscio del valore di questi legnami, Shuja ul-Mulk fondò un ministero apposito nel 1908, il quale aveva il compito non solo di regolare il commercio del legname, ma anche di controllarne l'uso localmente e lo sfruttamento.[144]

L'educazione[modifica | modifica wikitesto]

Shuja fu un grande patrono dell'istruzione nel suo stato. Chitral, Drosh, Drasun, Lot Kuh, Mastuj e Shagram videro la fondazione di scuole elementari per ragazzi. Le materie principali insegnate erano religione islamica e letteratura persiana.[145] Shuja stesso inviò i suoi figli a Peshawar, all'Aligarh ed a Dehradun per ricevere un'educazione giudicata per l'epoca moderna.[146]

Salute[modifica | modifica wikitesto]

Le frequenti carestie ed epidemie di epatite, colera, tifo e tubercolosi minacciavano gli abitanti di Chitral ogni anno. Shuja stabilì un ospedale a Chitral ed un altro a Drosh. In queste strutture raccolse medici qualificati, paramedici e la disponibilità di medicine adeguate.[147]

Telegrafo, telefono e servizi postali[modifica | modifica wikitesto]

Già nel 1892 già Aman ul Muluk aveva discusso la possibilità dell'apertura di una linea telegrafica tra Chitral e il Gilgit.[148] Dopo la spedizione di Chitral venne installata una linea telgrafica sperimentale lungo il passo di Lowari.[149] Nel 1903, durante il regno di Shuja ul-Mulk, il progetto si concretizzò infine.[150] l'anno successivo vennero aperte anche le prime linee telefoniche nell'area.[151]

Nel 1895 venne inaugurato il primo servizio postale a Chitral.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Shuja ul-Mulk morì il 13 ottobre 1936. Venne sepolto nel cimitero dei suoi antenati presso il forte reale di Chitral. Venne succeduto come mehtar dal suo primogenito, Nasir ul-Mulk.[152]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Comandante dell'Ordine dell'Impero Indiano - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Comandante dell'Ordine dell'Impero Indiano
Medaglia d'oro del Delhi Durbar di Edoardo VII - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro del Delhi Durbar di Edoardo VII
— 1903
Medaglia dell'incoronazione di Giorgio V - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'incoronazione di Giorgio V
Medaglia d'oro del Delhi Durbar di Giorgio V d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro del Delhi Durbar di Giorgio V d'oro
— 1911

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gladys LLoyd, Lloyd's Who's who in the Great War: A Book of Brief Life Stories of the Rulers and the Diplomats..., Lloyd's Weekly News, 1º gennaio 1914, p. 28.
  2. ^ (EN) The Living Age, 1º gennaio 1905, p. 781.
  3. ^ (EN) Charles Chenevix Trench, The Frontier Scouts, Cape, 1º gennaio 1985, ISBN 9780224023214.
  4. ^ (EN) The History and Culture of the Indian People: British paramountcy and Indian Renaissance. pt.1, Bharatiya Vidya Bhavan, 1º gennaio 1963, p. 1110.
  5. ^ (EN) Contributions to Indian Sociology, Mouton, 1º gennaio 2007, p. 59.
  6. ^ (EN) Great Britain India Office, The India List and India Office List for ..., Harrison and Sons, 1º gennaio 1819, p. 168.
  7. ^ Ron Clark Ball, The Falcon on the Tower, Privé Publishing, 2007, pp. 362, ISBN 978-0615140162.
  8. ^ (EN) Israr-ud-Din, Proceedings of the Third International Hindu Kush Cultural Conference, Oxford University Press, 1º gennaio 2008, p. 357, ISBN 9780195798890.
  9. ^ (EN) The Himalayan Journal, Oxford University Press, 1º gennaio 1936, p. 151.
  10. ^ (EN) Imperial Gazetteer of India: Provincial series. North West Frontier Province, Sang-e-Meel Publications, 1º gennaio 2002, pp. 213, ISBN 9789693513363.
  11. ^ (EN) Susan Farrington e Hugh Leach, Strolling About on the Roof of the World: The First Hundred Years of the Royal Society for Asian Affairs, Routledge, 29 agosto 2003, pp. 164, ISBN 9781134426690.
  12. ^ (EN) Israr-ud-Din, Proceedings of the Third International Hindu Kush Cultural Conference, Oxford University Press, 1º gennaio 2008, ISBN 9780195798890.
  13. ^ (EN) Iftikhar Haider Malik, Pakistan: People and Places, Reflections on Living and Travelling, Margalla Publications, 1º gennaio 1985, pp. 109.
  14. ^ (EN) Amar Singh Chohan, Gilgit Agency 1877-1935Second Reprint, Atlantic Publishers & Dist, 1º gennaio 1997, pp. 209, ISBN 9788171561469.
  15. ^ (EN) George Noble Molesworth, Afghanistan 1919: An Account of Operations in the Third Afghan War, Asia Publishing House, 1º gennaio 1962, pp. 131.
  16. ^ (EN) Charles Chenevix Trench, The Frontier Scouts, Cape, 1º gennaio 1985, pp. 31, ISBN 9780224023214.
  17. ^ (EN) The Indian Year Book, Bennett, Coleman & Company, 1º gennaio 1921, p. 584.
  18. ^ (EN) Demetrius Charles Boulger, Asian Review, East India Association and Royal India Pakistan and Ceylon Society, 1º gennaio 1919, p. 526.
  19. ^ (EN) East India Association (London England), Journal, East India association, 1º gennaio 1920.
  20. ^ (EN) NDC Guide to Selections from NWFP Record[s]., Government of Pakistan, Cabinet Secretariat, Cabinet Division, National Documentation Centre, 1º gennaio 1993, p. 145.
  21. ^ (EN) Amar Singh Chohan, The Gilgit Agency, 1877–1935, Atlantic Publishers & Distributors, 1º gennaio 1984, p. 209.
  22. ^ a b (EN) The Himalayan Journal, Oxford University Press, 1º gennaio 1936, p. 153.
  23. ^ Amar Singh Chohan, Gilgit Agency 1877–1935, Atlantic Publishers, 1997, ISBN 9788171561469.
  24. ^ In Memo H.H. Sir Shuja ul Mulk, K.C.I.E. Mehtar of Chitral, su newspapers.com, The Himalayan Club.
  25. ^ (EN) India Manager, Government of India Central Publication Branch, Memoranda on the India States, 1930: (Corrected Up to the 1st January 1930)., 1º gennaio 1931.
  26. ^ (EN) H. C. Thomson, The Chitral Campaign, Andrews UK Limited, 19 novembre 2012, p. 1, ISBN 9781781513491.
  27. ^ (EN) Mortimer Wheeler, The Cambridge History of India, CUP Archive, 1º gennaio 1960, p. 463.
  28. ^ (EN) Tim Hannigan, Murder in the Hindu Kush: George Hayward and the Great Game, The History Press, 11 aprile 2011, p. 232, ISBN 9780752463872.
  29. ^ (EN) Fosco Maraini, Where Four Worlds Meet: Hindu Kush, 1959, Harcourt, Brace & World, 1º gennaio 1964.
  30. ^ Fosco Maraini, Paropàmiso: storie di popoli e culture, di montagne e divinità, Mondadori, 1º gennaio 2003, p. 135, ISBN 9788804512097.
  31. ^ Chitral, in The Guardian, 1º maggio 1895.
  32. ^ (EN) Perspective, Pakistan Publications., 1º gennaio 1970.
  33. ^ (EN) Journal of the Pakistan Historical Society, Pakistan Historical Society., 1º gennaio 1977.
  34. ^ (EN) Percy Sykes, Hist Afghanistan V 1 & 2, Routledge, 10 luglio 2014, ISBN 9781317845874.
  35. ^ (EN) Demetrius Charles de Kavanagh Boulger, Asian Review, East & West, 1º gennaio 1968, p. 182.
  36. ^ (EN) India Army Intelligence Branch, Frontier and Overseas Expeditions from India: Tribes north of the Kabul River, Government Monotype Press, 1º gennaio 1907.
  37. ^ (EN) India Army Intelligence Branch, Frontier and Overseas Expeditions from India: pt. 1. Tribes north of the Kabul River. pt. 2. Supplement, Mittal Publications, 1º gennaio 1983, pp. 43–46.
  38. ^ (EN) John King e David St Vincent, Pakistan: A Travel Survival Kit, Lonely Planet Publications, 1º gennaio 1993, p. 281, ISBN 9780864421678.
  39. ^ (EN) Parliamentary Papers: 1850–1908, H.M. Stationery Office, 1º gennaio 1895.
  40. ^ (EN) H. C. Thomson, The Chitral Campaign, Andrews UK Limited, 19 novembre 2012, p. 3, ISBN 9781781513491.
  41. ^ (EN) Blackwood's Magazine, W. Blackwood, 1º gennaio 1895, p. 411.
  42. ^ (EN) H. C. Thomson, The Chitral Campaign, Andrews UK Limited, 19 novembre 2012, pp. 3–4, ISBN 9781781513491.
  43. ^ (EN) The Imperial and Asiatic Quarterly Review and Oriental and Colonial Record, Oriental Institute, 1º gennaio 1895.
  44. ^ (EN) Parliamentary Papers: 1850–1908, H.M. Stationery Office, 1º gennaio 1895, p. 36.
  45. ^ G.J Younghusband, The Relief of Chitral, New Delhi, Bhavana Books and Prints, aprile 2004, p. 10, ISBN 81-86505-50-4.
  46. ^ G.J Younghusband, The Relief of Chitral, New Delhi, Bhavana Books and Prints, aprile 2004, p. 12, ISBN 81-86505-50-4.
  47. ^ (EN) The New Hazell Annual and Almanack ..., H. Frowde, Oxford University Press, 1º gennaio 1896, p. 104.
  48. ^ (EN) Susan Farrington e Hugh Leach, Strolling About on the Roof of the World: The First Hundred Years of the Royal Society for Asian Affairs, Routledge, 29 agosto 2003, p. 164, ISBN 9781134426690.
  49. ^ (EN) William Brown, Gilgit Rebelion: The Major Who Mutinied Over Partition of India, Pen and Sword, 30 novembre 2014, ISBN 9781473841123.
  50. ^ Aziz, Karigoudar Ahmad, Ishwaran, Contributions to Asian Studies, Volume 5, 1974.
  51. ^ (EN) Defence Journal, 1º gennaio 1994, pp. 20.
  52. ^ 12, in Provincial Home Department's Tribal Research Cell, pp. 28–30.
  53. ^ (EN) Imperial Gazetteer of India: Provincial series. North-west Frontier Province, Sang-e-Meel Publications, 1º gennaio 2002, pp. 71, 213 and 263, ISBN 9789693513363.
  54. ^ (EN) James Sutherland Cotton, Sir Richard Burn e Sir William Stevenson Meyer, Imperial Gazetteer of India ..., Clarendon Press, 1º gennaio 1908, pp. 303.
  55. ^ (EN) South Asia Defence and Strategic Year Book, Panchsheel, 1º gennaio 2009, pp. 284.
  56. ^ (EN) Military Report and Gazetteer on Chitral, Government of India Press, 1º gennaio 1928, pp. 61.
  57. ^ a b (EN) Military Report and Gazetteer on Chitral, Government of India Press, 1º gennaio 1928, pp. 61.
  58. ^ (EN) India Army Intelligence Branch, Frontier and Overseas Expeditions from India: Tribes north of the Kabul River, Government Monotype Press, 1º gennaio 1907, pp. 79.
  59. ^ a b (EN) Ian Dixon Scott, Notes on Chitral, Manager, Government of India Press, 1º gennaio 1937, pp. 8.
  60. ^ (EN) Sir Martin Farndale e Basil Perronet Hughes, History of the Royal Regiment of Artillery: Between the wars, 1919–39, Royal Artillery Institution, 1º gennaio 1996, ISBN 9780080409849.
  61. ^ (EN) Charles Chenevix Trench, The Frontier Scouts, Cape, 1º gennaio 1985, ISBN 9780224023214.
  62. ^ Ghufran, 1962, pp. 200
  63. ^ (EN) Military Report and Gazetteer on Chitral, Government of India Press, 1º gennaio 1928, pp. 62–63.
  64. ^ (EN) Amar Singh Chohan, Gilgit Agency 1877-1935Second Reprint, Atlantic Publishers & Dist, 1º gennaio 1997, pp. 177, ISBN 9788171561469.
  65. ^ (EN) Battles of the Nineteenth Century, Cassell and Company, Limited, 1º gennaio 1900, pp. 227.
  66. ^ (EN) The Himalayan Journal, Oxford University Press, 1º gennaio 1932, pp. 24.
  67. ^ (EN) Arthur George Maynard Hesilrige, Debrett's British Empire Book, Dean & Son, 1º gennaio 1924, pp. 200.
  68. ^ (EN) India Manager, Government of India Central Publication Branch, Memoranda on the India States, 1930: (Corrected Up to the 1st January 1930)., 1º gennaio 1931, pp. 100.
  69. ^ (EN) James Sutherland Cotton, Sir Richard Burn e Sir William Stevenson Meyer, Imperial Gazetteer of India ..., Clarendon Press, 1º gennaio 1908.
  70. ^ Muhammad Afzal Khan, A Short History of Chitral and Kafirstan, su timesofchitral.com.
  71. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications., 1º gennaio 1935, pp. 153.
  72. ^ (EN) The India List and India Office List, Harrison., 1º gennaio 1819, pp. 168.
  73. ^ (EN) Roger Lloyd Kennion, Diversions of an Indian Political, W. Blackwood, 1932, pp. 34–36.
  74. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications., 1935, pp. 152–154.
  75. ^ (EN) Memoranda on the India States, 1930: (Corrected Up to the 1st January 1930)., India, Government of India Central Publication, 1931, pp. 100.
  76. ^ (EN) Great Britain Parliament House of Commons, Parliamentary Papers, House of Commons and Command, H.M. Stationery Office, 1907, pp. 182.
  77. ^ a b (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications., 1935, pp. 153.
  78. ^ (EN) Memoranda on Native States in India, together with a list of Independent Ruling Chiefs, Chiefs of Frontier States, and other notables with their proper forms of address, Superintendent Government Print., India, 1911, pp. 92.
  79. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications., 1º gennaio 1935, pp. 153.
  80. ^ Hidayat Ur Rahman, A Chitrali Courtier, Historiographer and Poet 1857—1926, su Chitral News, 11 settembre 2011.
  81. ^ (EN) Administration Report of the North West Frontier Province, NWFP Government Press, 1920, pp. 1.
  82. ^ (EN) Jehanzeb Khalil, Mujahideen movement in Malakand and Mohmand Agencies, 1900–1940, Area Study Centre University of Peshawar, 2000, pp. 133.
  83. ^ (EN) Central Asia, Area Study Centre (Central Asia), University of Peshawar., 1º gennaio 1979, pp. 43.
  84. ^ (EN) NDC Guide to Selections from NWFP Record[s]., Government of Pakistan, Cabinet Secretariat, Cabinet Division, National Documentation Centre, 1º gennaio 1993, pp. 145.
  85. ^ (EN) The London Gazette, Tho. Newcomb over against Baynards Castle in Thamse-street, 1º gennaio 1919, pp. 110.
  86. ^ (EN) East India Association (London England), Journal, East India association, 1º gennaio 1920.
  87. ^ (EN) Amar Singh Chohan, Gilgit Agency 1877-1935Second Reprint, Atlantic Publishers & Dist, 1º gennaio 1997, pp. 209, ISBN 9788171561469.
  88. ^ (EN) Central Asia, Area Study Centre (Central Asia), University of Peshawar., 1º gennaio 1979, pp. 43.
  89. ^ Death of the Mehtar of Chitra, su newspapers.nl.sg.
  90. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications., 1935, pp. 153.
  91. ^ (EN) India Manager, Government of India Central Publication Branch, Memoranda on the India States, 1930: (Corrected Up to the 1st January 1930)., 1931, pp. 100.
  92. ^ (EN) Sir Cuthbert Morley Headlam, The Army Quarterly, William Clowes & Sons, Ltd., 1925, pp. 305.
  93. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications, 1939, pp. 207.
  94. ^ (EN) India Manager, Government of India Central Publication Branch, Memoranda on the India States, 1930: (Corrected Up to the 1st January 1930)., 1931, pp. 100.
  95. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications., 1º gennaio 1935, pp. 153.
  96. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications., 1935, pp. 153.
  97. ^ (EN) The Himalayan Journal, Oxford University Press, 1º gennaio 1936, pp. 153.
  98. ^ (EN) India Manager, Government of India Central Publication Branch, Memoranda on the India States, 1930: (Corrected Up to the 1st January 1930)., 1931, pp. 100.
  99. ^ (EN) William Riddell Birdwood Baron Birdwood, In My Time: Recollections and Anecdotes, Skeffington & Son, Limited, 1946, pp. 27.
  100. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications, 1939, pp. 207.
  101. ^ (EN) Abdul Rashid Khan, The All India Muslim Educational Conference: Its Contribution to the Cultural Development of Indian Muslims, 1886–1947, Oxford University Press, 1º gennaio 2001, pp. 273, ISBN 9780195793758.
  102. ^ Dr Lal Baha, History of Islamia College Peshawar, 2013, pp. 42 and 73.
  103. ^ Dr Lal Baha, History of Islamia College Peshawar, 2013, pp. 216.
  104. ^ (EN) Memoranda on the Indian States, Manager of Publications., 1935, pp. 153.
  105. ^ (EN) Memoranda on the India States, 1930: (Corrected Up to the 1st January 1930)., Government of India Central Publication, 1931, pp. 100.
  106. ^ (EN) Memoranda on the India States – 1934, su The News International, 6 giugno 2014.
  107. ^ John Biddulph, Tribes of the Hindoo Koosh (PDF), Karachi, Indus Publications, 1880, pp. 66.
  108. ^ a b (EN) John Biddulph, Tribes of the Hindoo Koosh, Ishi Press, 11 gennaio 2016, ISBN 9784871875257.
  109. ^ a b Ghufran, 1962
  110. ^ Hissam ul Mulk, Notes on the History of Chitral, 1971, pp. 55.
  111. ^ Munshil Aziz Din, Tarikh-i-Chitral, Sang-e-Meel Publications, 1987.
  112. ^ (EN) Israr-ud-Din, Proceedings of the Third International Hindu Kush Cultural Conference, Oxford University Press, 1º gennaio 2008, pp. 378–382, ISBN 9780195798890.
  113. ^ (EN) Ian Dixon Scott, Notes on Chitral, Manager, Government of India Press, 1º gennaio 1937, pp. 18–19.
  114. ^ a b Ghufran, 1962, pp. 217
  115. ^ Hissam ul Mulk, Notes on the History of Chitral, pp. 55.
  116. ^ Munshi Aziz Din, Tarikh-e-Chitral, Lahore, Sang-e-Meel Publications., 1987, pp. 37.
  117. ^ Ghufran, 1962, pp. 217
  118. ^ (EN) Military Report and Gazetteer on Chitral, Government of India Press, 1º gennaio 1928, pp. 69.
  119. ^ (EN) The All Pakistan Legal Decisions, All-Pakistan Legal Decisions, 1º gennaio 1989, pp. 143.
  120. ^ Ghufran, 1962, pp. 150
  121. ^ (EN) Z. H. Zaidi e Quaid-i-Azam Papers Project, Quaid-i-Azam Mohammad Ali Jinnah Papers: The States : historical and policy perspectives and accession to Pakistan, Quaid-i-Azam Papers Project, National Archives of Pakistan, 1º gennaio 1993, p. 102, ISBN 9789698156138.
  122. ^ (EN) G. J. Alder, British India's Northern Frontier, Longmans, 1º gennaio 1964, p. 298.
  123. ^ (EN) Israr-ud-Din, Proceedings of the Third International Hindu Kush Cultural Conference, Oxford University Press, 1º gennaio 2008, p. 322, ISBN 9780195798890.
  124. ^ 99, in Home Department, Government of the North-West Frontier Province, Tribal Research Cell (TRC)., pp. 48.
  125. ^ 281, in Home Department, Government of the North-West Frontier Province Tribal Research Cell (TRC), pp. 46.
  126. ^ Aamir Mushtaq Cheema, An Illustrated History of the Chitral Scouts (1903–2014), War Studies, 2014, pp. 31–33.
  127. ^ (EN) The Indian Year Book, Bennett, Coleman & Company, 1º gennaio 1841.
  128. ^ (EN) The London Gazette, Tho. Newcomb over against Baynards Castle in Thamse-street, 1º gennaio 1919, p. 110.
  129. ^ (EN) India Manager, Government of India Central Publication Branch, Memoranda on the India States, 1930: (Corrected Up to the 1st January 1930)., 1º gennaio 1931, pp. 100.
  130. ^ (EN) Iftikhar Haider Malik, Pakistan: People and Places, Reflections on Living and Travelling, Margalla Publications, 1º gennaio 1985, pp. 109.
  131. ^ (EN) Ian Dixon Scott, Notes on Chitral, Manager, Government of India Press, 1º gennaio 1937, pp. 18.
  132. ^ (EN) Military Report and Gazetteer on Chitral, Government of India Press, 1º gennaio 1928, pp. 49.
  133. ^ Munshil Aziz Din, Tarikh-i-Chitral, Sang-e-Meel Publications, 1987, pp. 19–20.
  134. ^ (EN) Military Report and Gazetteer on Chitral, Government of India Press, 1º gennaio 1928, pp. 49.
  135. ^ (EN) George Nathaniel Curzon Curzon (Marquis of) e Peter King, A viceroy's India: leaves from Lord Curzon's note-book, Sidgwick & Jackson, 1º gennaio 1984, p. 134, ISBN 9780283991660.
  136. ^ a b 18, in Provincial Home Department's Tribal Research Cell, pp. 7.
  137. ^ a b (EN) Military Report and Gazetteer on Chitral, Government of India Press, 1º gennaio 1928, pp. 50.
  138. ^ Munshil Aziz Din, Tarikh-i-Chitral, Sang-e-Meel Publications, 1987, pp. 21.
  139. ^ Ghufran, 1962, pp. 143
  140. ^ (EN) The Viscount Fincastle e P. C. Eliott-Lockhart, A Frontier Campaign: A Narrative of the Operations of the Malakand and Buner Field Forces, 1897–1898, Andrews UK Limited, 2 febbraio 2012, p. 4, ISBN 9781781515518.
  141. ^ Munshil Aziz Din, Tarikh-i-Chitral, Sang-e-Meel Publications, 1987, pp. 39.
  142. ^ 1–2, in Home Department, Government of the North-West Frontier Province Tribal Research Cell (TRC), pp. 106.
  143. ^ Ghufran, 1962, pp. 143
  144. ^ Ghufran, 1962, pp. 219
  145. ^ Hissam ul Mulk, Notes on the history of Chitral, 1971, pp. 75.
  146. ^ Chitral : a study in statecraft (1320–1969) | IUCN Library System, su IUCN.
  147. ^ (EN) Military Report and Gazetteer on Chitral, Government of India Press, 1º gennaio 1928, pp. 31.
  148. ^ (EN) Leaves from a Viceroy's Note Book by Curzon Marquess of Kedleston, su Abe Books.
  149. ^ (EN) The Chitral Campaign, su Book Depository.
  150. ^ Ghufran, 1962, pp. 182
  151. ^ (EN) Chitral: A Study in Statecraft, 1320–1969, IUCN Pakistan, Sahrhad Programme, 1º gennaio 2004, ISBN 9789698141691.
  152. ^ Mohammad Afzal Khan, A Short History of Chitral and Kafirstan, su timesofchitral.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mirza Muhammad Ghufran, Nayi Tarikh-e-Chitral, traduzione di Ghulam Murtaza, Peshawar, Public Art Press, 1962.
Predecessore Mehtar di Chitral Successore Flag of State of Chitral.svg
Amir ul-Mulk 1895-1936 Nasir ul-Mulk
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie