Sho (lettera)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sho uc lc.svg
Lettere classiche
Αα Alfa Νν Ni
Ββ Beta Ξξ Xi
Γγ Gamma Οο Omicron
Δδ Delta Ππ Pi
Εε Epsilon Ρρ Rho
Ζζ Zeta Σσς Sigma
Ηη Eta Ττ Tau
Θθ Theta Υυ Ypsilon
Ιι Iota Φφ Phi
Κκ Kappa Χχ Chi
Λλ Lambda Ψψ Psi
Μμ Mi Ωω Omega
Lettere numerali
Ϛϛ Stigma Ϡϡ Sampi
Ϟϟ Qoppa
Lettere arcaiche
Ϝϝ Digamma Ϻϻ San
Ͱͱ Heta
Altri caratteri
Ϳϳ Jod Ϸϸ Sho

Segni diacritici

Sho (maiuscolo Ϸ, minuscolo ϸ) è una lettera dell'alfabeto greco, aggiunta all'alfabeto per tradurre dalla lingua battriana.[1] Probabilmente rappresentava il fonema [ʃ], l'italiano "sc", anche se la trascrizione convenzionale è "š".[2]

Il suo nome e la sua posizione originali nell'alfabeto battriano non sono noti; alcuni autori la chiamano «san», in base all'ipotesi che fosse una permanenza o una reintroduzione della lettera greca arcaica San.[3] Assomiglia a una lettera dell'alfabeto cario, di origine greca, che potrebbe essere stata usata per il suono [ʃ]. Il nome «sho» è stato coniato al fine di permetterne la codifica informatica nel 2002, in analogia con «rho» (ρ), la lettera con la quale sembra essere graficamente imparentata:[1] Ϸ è stata aggiunta alla raccolta Unicode nella versione 4.0 (2003), in una versione maiuscola e in una minuscola che sono state progettate per la tipografia contemporanea.


Forma Codice Nome
Ϸ U+03F7 LETTERA MAIUSCOLA SHO
ϸ U+03F8 LETTERA MINUSCOLA SHO
Moneta di re Kanishka, con l'iscrizione ϷΑΟΝΑΝΟϷΑΟ ΚΑΝΗϷΚΙ ΚΟϷΑΝΟ (Šaonanošao Kanēški Košano): «Re dei Re, Kanishka il Kushano».
Ϸ battriano in tre differenti stili storici,[1] e in una grafia moderna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Everson, M. and Sims-Williams, N. (2002) “Proposal to add two Greek letters for Bactrian to the UCS”,ISO/IEC JTC1/SC2/WG2 N2411.
  2. ^ P. O. Skjærvø, Bactrian, in Concise encyclopedia of languages of the world, Elsevier, 2009, ISBN 9780080877754.
  3. ^ William Woodthorpe Tarn, The Greeks in Bactria and India, Cambridge, Cambridge University Press, 1961, p. 508, ISBN 978-1-108-00941-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]