Shakshuka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Shakshuka
Shakshoka.jpg
La shakshuka
Origini
Luoghi d'origineTunisia Tunisia
Libia Libia
Marocco Marocco
Algeria Algeria
DiffusioneMaghreb, Israele
Dettagli
Categoriapiatto unico
Ingredienti principalicipolla, aglio, pomodori, peperoni, pepe nero, spezie e uova.

La shakshuka (talvolta italianizzata in sciasciuca, o sciacsciucà; in berbero: čekčuka; in arabo: شكشوكةshakshūka, var. shakshouka, chakchouka, mekbūba[1], e chiamata dagli ebrei di Susa, tastīra; in ebraico: שקשוקה?, shakshukah), è un piatto maghrebino, introdotto poi nella cucina israeliana dagli ebrei maghrebini emigrati in Israele, e in Italia dagli ebrei tripolini, in seguito al loro esodo insieme agli italo-libici dalla Libia nella seconda metà del secolo scorso.

Ingredienti[modifica | modifica wikitesto]

Gli ingredienti sono la cipolla o l'aglio, i pomodori, i peperoncini verdi, il pepe nero, spezie varie come paprica, cumino o curcuma, e le uova. Varianti possono essere fatte con peperoni, altre verdure, patate e spezie o rimpiazzando le uova con il tofu. La shakshuka, il cui nome deriva dal berbero e significa "mistura", è abitualmente mangiata con pane a mollica o anche con la pita, come molti altri piatti vicino-orientali, usato per "fare la scarpetta".

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

La shakshuka è diffusa in tutto il Maghreb. A partire dagli anni 1950 è stata portata in Israele dagli ebrei maghrebini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina