Sergio Pecorelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Sergio Pecorelli (Brescia, 10 giugno 1944) è un accademico italiano, presidente del Consiglio di Amministrazione dell'Agenzia Italiana del Farmaco dal 2009 al 2015.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in medicina, è nominato nel 1988 professore associato di Ginecologia oncologica a Brescia, diventando poi professore straordinario e successivamente ordinario di Ginecologia e Ostetricia. Nel novembre 2010 viene eletto rettore dell'ateneo per il sessennio accademico 2010/2016.

Dal giugno 2009 è stato Presidente del Consiglio di Amministrazione dell'Agenzia Italiana del Farmaco, sino alla sua sospensione[1] e in seguito alle sue dimissioni date nel dicembre 2015 per conflitto di interessi.[2][3][4][5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Tornago, Sanità, sospeso presidente dell’Aifa: “È nel board di fondazioni che finanziano le aziende farmaceutiche”, in Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 20 giugno 2019.
  2. ^ Simona Ravizza, Conflitto di interessi sui farmaci, Pecorelli lascia l'Aifa, in Corriere della Sera, 16 dicembre 2015. URL consultato il 17 giugno 2019.
  3. ^ Aifa, si dimette Pecorelli, su ilsole24ore.com, Il Sole 24 ORE, 17 dicembre 2015. URL consultato il 1º luglio 2016.
  4. ^ Università di Brescia: rettore sommerso da inchieste, chiesto il processo per truffa all'ospedale, Corriere della Sera, 16 aprile 2016. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  5. ^ Bando segretaria, Pecorelli di nuovo assolto, in quiBrescia.it, 13 marzo 2019. URL consultato il 17 giugno 2019.
  6. ^ Pecorelli assolto, le somme percepite dal Civile erano giustificate, in BsNews.it, 27 gennaio 2017. URL consultato il 17 giugno 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie