Scontri sino-indiani del 2020-2021

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scontri cino-indiani di frontiera
Kashmir map big.jpg
Data5 maggio 2020 - in corso
LuogoLinea di controllo effettivo (Cina/India)
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Perdite
20 uccisi[2], 76 feriti[3]4 uccisi[4], 1 feriti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

Gli scontri militari tra Cina e India del 2020-2021 fanno parte di una situazione di stallo militare in corso tra Cina e India. Dal 5 maggio 2020, le truppe cinesi e indiane si sono impegnate in attacchi ravvicinati, scontri e scaramucce in località lungo il confine sino-indiano, incluso vicino al conteso lago Pangong in Ladakh e nella Regione Autonoma del Tibet, e vicino al confine tra Sikkim e la regione autonoma del Tibet. Ulteriori scontri hanno avuto luogo anche in località nel Ladakh orientale lungo la linea di controllo effettivo (LAC).[5][6]

Entro il 27 giugno, è stato riferito che i cinesi hanno aumentato la presenza militare sia sulla sponda settentrionale che su quella meridionale del Pangong Tso, hanno rafforzato le loro posizioni vicino al Finger 4 (contrariamente a quello che era lo status quo in aprile) e avevano persino iniziato la costruzione di un eliporto e un bunker.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]