Schloss Köpenick

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Schloss Köpenick
Berlin-Koepenick Schloss1 05-2014.jpg
Facciata principale dello Schloss Köpenick
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandBerlino
LocalitàBerlino
Indirizzoquartiere di Köpenick
Coordinate52°26′38″N 13°34′22″E / 52.443889°N 13.572778°E52.443889; 13.572778Coordinate: 52°26′38″N 13°34′22″E / 52.443889°N 13.572778°E52.443889; 13.572778
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1677 - 1681
Stilebarocco
Realizzazione
ArchitettoRutger van Langervelt

Lo Schloss Köpenick (Castello di Köpenick) è un palazzo che si trova a Berlino, nel quartiere di Köpenick.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Castello è situato nel cuore del centro di Köpenick: un’isola nel fiume Dahme che sfocia nella Sprea. È possibile raggiungere l’isola attraverso un ponte collegato alla terra ferma, la „Lange Brücke“, (letteralmente: «ponte lungo»), che collega attraversando la Dahme l’antica parte di Kopenick con i quartieri occidentali e nord-occidentali e il centro di Berlino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Preistoria e storia antica[modifica | modifica wikitesto]

L’isola che ospita il castello era già abitata nella preistoria ed è una delle prime aree di insediamento nell’odierna area urbana di Berlino. Successivamente furono trovare le mura di un castello slavo costruito nell’VIII o IX secolo. Il principe slavo Jaxa von Kopenick governò fino al XII secolo. Successivamente vennero eretti vari edifici. Nel 1245 la popolazione degli Ascani conquistarono il castello e gli slavi si trasferirono sulla sponda orientale del Dahme. Casa di caccia rinascimentale Intorno al 1550 gli edifici vecchi del castello furono demoliti e nel 1558 ad opera del principe elettore Joachim II von Brandenburg che fece costruire un capanno da caccia in stile rinascimentale. Vennero costruite altre due ali residenziali e ulteriori mura difensive. I lavori vennero affidati a Wilhelm Zacharias . Ad oggi restano poche memorie di questo edificio.

L´edificio[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo barocco[modifica | modifica wikitesto]

Il principe eletto Federico (in seguito Federico I di Prussia) fece apliare il castello nel 1677. I lavori furono affidati a Rutger von Langerfeld, architetto olandese di Nimega. Il padiglione settentrionale fu costruito tra 1677-1682. I lavori proseguirono sotto il comando dell’architetto Johann Arnold Nering e successivamente nel 1684 con la costruzione dell’ala economica con la chiesta riformista del castello (inaugurata il 6 gennaio del 1685) e con la porta della fattoria (1682). In seguito Friedrich visse nel castello con la moglie Elisabeth Henriette von Hessen-Kassel, la quale decise di costruire la chiesa. Negli anni a seguire venne progettato un ampliamento della pianta a tre ali. Il padiglione settentrionale venne completato con u’ala centrale e fu costruito il padiglione meridionale. Fu così che il castello ricevette la sua forma attuale ampliata nel 1690. Nel 1970 la galleria fu modificata dalla muratura dei portici. Le due porte furono costruite tra il 1804 e uk 1806. Nel 1884 il castello si arricchì di una stufa del castello svizzero di Haldenstein.

Uso di oggi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1938 Wilhelm Unverzagt iniziò un’indagine archeologica sul castello. Una delle sue scoperte riguarda una parte ampia delle fondamenta del castello. Nel 1963 il castello divenne sede del Kunstgewerbemuseum Ost-Berliner e quindi accessibile al pubblico. Nel 1994 iniziò un vasto restauro che hanno portato alla luce vecchie parti dell’edificio. Dopo il completamento dei lavori, il castello è stato riaperto il 27 maggio del 2004 e ad oggi ospita la seconda casa del Museo di arti applicate dello Staatliche Museen zu di Berlino. Inoltre è ospitata la mostra permanente dal titolo „Arte rinascimentale, barocca e rococò“ con una sezione trasversale dell’arte decorativa dal XVI al XVIII secolo che occupa 21 sale dislocate su tre piani. Adiacente alla chiesa, l'edificio orientale ospita ora un locale gastronomico.

Il Giardino barocco[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1690 venne disposto un piccolo giardino barocco. Nell’estate del 1712 un aloe raggiunse un’altezza di quasi dieci metri. Aveva 44 rami e 7277 fiori. L’aloe venne ammirata anche dallo zar russo Pietro il Grande e da altri importanti visitatori del parco. Alla morte della duchessa Henriette Marie von Württemberg-Teck il parco divenne sempre più incolto e selvaggio. Nel 1804, sotto Friedrich Wilhelm Carl von Schmettau, fu trasformato un parco paesaggistico. Il parco si presenta con diverse sculture e targhe commemorative. Il suo percorso costeggia il flusso d’acqua e offre una buona vista. Nel mezzo del parco si trova un’ampia apertura che consente una vista completa del castello. Il cortile viene utilizzato per eventi e concerti soprattutto durante il periodo estivo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Institut für Denkmalpflege, Die Bau- und Kunstdenkmale der DDR. Hauptstadt Berlin-II: Stadtbezirk Köpenick, Berlino, Henschelverlag, 1984.
  • Wolfgang Ribbe, Jürgen Schmädicke, Kleine Berlin-Geschichte, Berlino, Stapp Verlag, 1994.
  • Michael Lindner, Jacza von Köpenick. Ein Slawenfürst des 12. Jahrhunderts zwischen dem Reich und Polen. Geschichten aus einer Zeit, in der es Berlin noch nicht gab, Berlino, Viademica-Verlag, 2012.
  • Landesdenkmalamt Berlin, 800 Jahre Köpenick: Von Jacza zu den Wettinern: Herrschaft, Burg und Stadt Köpenick im 12. und 13. Jahrhundert, Berlino, 2014.
  • Eckhard Thiemann, Ein Brückenspaziergang in Treptow-Köpenick, Berlino, Verlag Brandel, 2012.
  • Entfernte Orte. Fotografien aus dem Südosten Berlins. Köpenick und Friedrichshagen in den 70er und 80er Jahren, Berlino, Verlag Brandel, 2014.

• Raimund Hertzsch: Castle Köpenick . In: Il luogo storico 90 . Kai Homilius, Berlino 1997, ISBN 3-89706-089-2 . • Lothar Lambacher (a cura di): Schloss Köpenick. Archeologia, storia dell'edificio, utilizzo . Schnell & Steiner, Regensburg 2005, ISBN 3-7954-1630-2 . • Günter Schade: Castle Köpenick. Un viaggio nella storia dell'isola del castello di Köpenicker . 4. edizione migliorata. Staatliche Museen zu Berlin, Kunstgewerbemuseum, Berlino 1975. • Staatliche Museen zu Berlin (a cura di): Schloss Köpenick. Kunstgewerbemuseum: artigianato europeo di dieci secoli . Musei statali, Museo delle arti decorative, Berlino 1976. Collegamenti Web [ modifica | Modifica ] • Gunnar Nath: Bodendenkmalpflege Schloss Köpenick . Conservazione storica in loco. Dipartimento del Senato per lo sviluppo urbano di Berlino. • Iscrizioni nell'elenco dei monumenti dello stato di Berlino: Castello con chiesa del castello eParco Castello • Staatliche Museen zu Berlin: Kunstgewerbemuseum . Oltre al suo quartier generale al Kulturforum Potsdamer Platz, il Kunstgewerbemuseum ha aperto lo Schloss Köpenick come seconda sede nel maggio 2004. Riferimenti singoli [ modifica | Modifica ] 1. ↑ Georg Dehio : Manuale dei monumenti d'arte tedeschi, Berlino. Editoria d'arte tedesca, 2006, ISBN 3-422-03111-1 , S. 540-541 2. ↑ Stefanie Leibetseder: riformata e internazionale. La chiesa del castello di Köpenick nell'architettura della chiesa della fine del XVII secolo . In: Lothar Lambacher e Mathis Leibetseder (a cura di): KREUZWEGE. GLI ALTI TOLLER E LE CONFESSIONI 1517-1540 [Exh. Cat.] Berlino 2017, pagg. 140-149 . 3. ^ Johannes Kunisch : Federico il Grande. Il re e il suo tempo. CH Beck, Monaco 2004, ISBN 3-406-52209-2 , pp 36-38.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN152061429 · ISNI (EN0000 0001 2203 3194 · LCCN (ENn81106828 · GND (DE4477575-1 · WorldCat Identities (ENn81-106828