Schita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Schita
Schita.png
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneLombardia
Zona di produzioneOltrepò Pavese
Dettagli
Categoriacontorno
Ingredienti principalifarina, acqua, strutto
 

La schita è una frittella composta da acqua, farina e strutto tipica dell'Oltrepò Pavese.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Si prende una biella (ciotola), si mette un po' di farina, un pizzico di sale e si “bagna” il tutto con l'acqua. Poi si frigge in una padella, versando il preparato fino a stenderlo in modo omogeneo su tutta la superficie. Dopo qualche minuto si gira, si attende finché è ben dorata ed è pronta per essere servita. Tipica dell'Oltrepò Pavese (dove viene anche chiamata schita d'la nona, “la schita della nonna”) è conosciuta anche come farsùla o paradèla. In base alla tradizione, una volta fritta, viene mangiata senza nessun'altra aggiunta.

Tuttavia oggi ci sono diverse versioni: dolce (aggiungendo un pizzico di zucchero oppure anche una goccia di miele) e salata. Si può accompagnare anche ai salumi locali. [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

La schita, in dialetto, veniva anche chiamata "cola" in quanto l'impasto usato per fare la focaccetta era del tutto simile a quello usato come colla per la realizzazione della cartapesta o per incollare la carta. A S. Giuletta, negli anni '30-'40 del Novecento, si producevano bambole in catapesta usando una colla realizzata facendo bollire farina ed acqua (circa 3 cucchiai di farina in un litro d'acqua).