Sburlon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sburlon
Origini
Altri nomiSpintone
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
Zona di produzioneProvincia di Parma
Dettagli
Categoriabevanda
RiconoscimentoP.A.T.
SettoreBevande alcoliche, distillati e liquori
Ingredienti principali
  • alcol
  • mele cotogne
  • zucchero
 

Lo Sburlon è un liquore a base di mele cotogne, tipico della pianura e della zona collinare del parmense. Denominato “Spintone” in dialetto parmigiano, si riteneva che, bevuto a fine pasto, desse una sorta di “spinta”, facilitando la digestione; allungato con acqua era ritenuto un ottimo corroborante e defaticante.[1][2][3]

Lo sburlon è il frutto della macerazione e infusione alcolica della polpa della mela, precedentemente grattugiata o ridotta in poltiglia. La polpa così trattata viene dapprima fatta macerare per circa cinque giorni al fine di estrarne tutti i succhi che vengono poi messi in infusione in alcol, assieme a vari aromi e allo zucchero, per un periodo non inferiore ai 30 giorni. Al termine avviene la filtrazione e l'imbottigliamento. Ne risulta un liquore a elevata gradazione alcolica, limpido e di colore fra il giallo e il nocciola.

La sua preparazione è antica e la ricetta ha innumerevoli varianti. Lo sburlon è sempre stato, assieme al nocino e al bargnolino uno dei liquori popolari più diffusi. Fino a pochi decenni fa infatti, in molte case di campagna, sia in montagna che in pianura, c'era una pianta di mela cotogna da cui si ricavava la marmellata e il liquore.

In inverno viene consumato a temperatura ambiente mentre in estate è ottimo servito freddo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sburlon, su emiliaromagnaturismo.it. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  2. ^ Sburlone, su turismo.comune.parma.it. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  3. ^ Daniela Guaiti, Emilia Romagna. URL consultato il 2 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]