Sarraceno dei Bonacolsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sarraceno dei Bonacolsi

Podestà della Compagna Communis Ianuensis
Durata mandato 1314 –
1314
Predecessore Uguccione della Faggiola
Successore Giacomo di Florini di Pontecavalli
Stemma della famiglia Bonacolsi
Coat of arms of the House of Bonacolsi.svg
Bonacolsi
Blasonatura
Di rosso a tre fasce d'oro

Sarraceno dei Bonacolsi (... – ...; fl. XIV secolo) è stato un politico italiano, appartenente alla nobile famiglia dei Bonacolsi di Mantova, fu podestà della città di Genova nel 1314.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Tagino dei Bonacolsi, co-signore di Mantova con il fratello Bardellone, bandito da Mantova a causa della sconfitta del padre e dello zio da parte del cugino Guido, poté tornare con il fratello Bertone nella città virgiliana grazie all'editto di pacificazione voluto dall'imperatore Enrico VII di Lussemburgo nel gennaio 1311.[1] La permanenza non durò molto e venne nuovamente allontanato dalla città lombarda.[1]

Nel 1314, al termine della dedizione all'imperatore Enrico VII e al conseguente allontamento di Uguccione della Faggiola dalla città, fu scelto come podestà di Genova.[2]

Saraceno si impegnò a sedare gli scontri interni tra guelfi e ghibellini, fallendo nel tentativo anche a causa degli scontri avvenuti a Rapallo tra le due fazioni.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bonacolsi Tagino, su Treccani.it. URL consultato il 7 marzo 2020.
  2. ^ a b Donaver, p.116.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]