Santuario della Beata Vergine della Creta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°50′54.59″N 8°34′32.22″E / 44.848497°N 8.575617°E44.848497; 8.575617

Santuario della Beata Vergine della Creta
Castellazzo Bormida-santuario della Creta-facciata.jpg
Facciata del santuario
Stato Italia Italia
Regione Piemonte
Località Castellazzo Bormida
Religione cattolica
Diocesi Diocesi di Alessandria
Inizio costruzione 1802
Completamento 1848

Il santuario della Beata Vergine della Creta è un edificio religioso sito in piazza Madonnina dei Centauri a Castellazzo Bormida, nella piana tra il torrente Orba e il fiume Bormida in provincia di Alessandria. Dal 1947 la Madonnina dei Centauri è la patrona dei motociclisti.

Cenni storici e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La prima costruzione dell'edificio è dovuta al castellazzese Giovanni Viola in ringraziamento della protezione durante l'epidemia di peste del 1630. La cappella, di circa 100 m2, aveva un soffitto a cassettoni, un campanile e conteneva un quadro raffigurante la Beata Vergine. Dubbi sono l'origine e la provenienza di questo quadro anche se la fattura ne denota l'antichissima datazione. La cappella viene demolita, per incuria, nel 1764.

I Castellazzesi continuano a considerare il luogo sacro perciò, prima viene posta una croce di legno e poi viene eretto un pilone con raffigurata l'immagine della Madonna (il quadro venne posto nella locale chiesa di San Carlo dopo la distruzione della cappella). Nel periodo 1802-1848 si ha la costruzione della nuova chiesa e della cosiddetta "Rotonda" intorno al pilone. Il ritorno del Quadro nella nuova chiesa avvenne nel novembre 1846. Alla fine del XIX secolo si ha l'inizio della costruzione del santuario vero e proprio. Viene inaugurato nel 1905 mentre la facciata con i campanili è terminata nel 1924. Le opere sono state condotte dall'architetto Giuseppe Boidi Trotti, sulla base del progetto dell'architetto Caselli di Alessandria. La facciata è opera del geometra Girolamo Buscaglia.

Nel 1947 Pio XII conferì alla "Madonnina" (chiamata così da tutti i Castellazzesi) il titolo di Patrona dei Centauri, e da allora, ogni seconda domenica di luglio, vi ha sede il "Raduno Internazionale Madonnina dei Centauri". In tale occasione le porte della chiesa si aprono alle motociclette e il primo centauro di ogni nazione fa l'ingresso con la sua moto a motore acceso.

Sui muri del corridoio che conduce alla Rotonda e nella Rotonda stessa si trovano molti ex voto a significare la grande devozione per la Beata Vergine della Creta.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]