Santi Sociali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Con Santi Sociali s'intende un gruppo di religiosi e laici torinesi vissuti tra il diciannovesimo e ventesimo secolo, che si dedicarono ad attività di beneficenza e sociali a Torino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio dell'Ottocento, la povertà era molto diffusa a Torino, ed una larga parte della popolazione viveva grazie alla pubblica assistenza.

In questo ambito operarono i Santi Sociali torinesi, che si dettero all'aiuto e all'educazione dei poveri ed emarginati. La memoria dei Santi Sociali è sempre rimasta presente nella cultura torinese, come esemplificato dai numerosi musei[1], mostre, ed eventi[2] che li raffigurano. Ad esempio, sono stati oggetto di numerose iniziative a Torino in occasione del Giubileo della Misericordia nel 2016.[3] Sono stati anche oggetto di una rappresentazione al Teatro Stabile di Torino[4] e di varie trasmissioni televisive.[5]

I santi sociali[modifica | modifica wikitesto]

Un predecessore dei Santi sociali torinesi può essere trovato nel beato Sebastiano Valfrè (16291710), attivo durante l'assedio di Torino del 1706. Collegato a questo gruppo di santi vi è la figura di don Giovanni Cocchi, iniziatore di varie attività in favore dei ragazzi poveri.

A tutti questi santi e beati, con la sola esclusione, al momento, di san Giuseppe Marello, la città di Torino ha dedicato una via o un corso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Torino- Musei
  2. ^ Salone del libro - Piemonte, terra di Santi sociali, su salonelibro.it. URL consultato l'11 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2016).
  3. ^ Consolata: santi sociali della Chiesa torinese, testimoni della misericordia
  4. ^ Teatro Stabile di Torino, su teatrostabiletorino.it. URL consultato l'11 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2016).
  5. ^ Faro di Roma - Viaggi del cuore in Piemonte Archiviato il 12 ottobre 2016 in Internet Archive.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]