Salone Internazionale del Mobile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri saloni del mobile presenti nel territorio nazionale, vedi salone del mobile.

Il Salone Internazionale del Mobile è la più importante[1] fiera e punto d'incontro, a livello mondiale, per gli operatori del settore casa-arredamento.[2] La sua prima edizione risale al 1961 a Milano, città che accoglie la manifestazione tutt'oggi, e l'accoglierà almeno fino al 2032.[3]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Alla vigilia degli anni sessanta l'Italia, come la Germania, affronta un grande fermento di ricostruzione edilizia, dal momento che dopo il conflitto mondiale appena lasciato alle spalle c'era la necessità di ricostruire, tra le altre cose, abitazioni per i cittadini. Questi grandi volumi di edifici vuoti portarono una grande domanda di mobili e oggetti con cui riempirli. L'industria italiana e tedesca del settore avevano la necessità di entrare in contatto con i consumatori. I due paesi avevano caratteristiche industriali differenti: l'Italia era caratterizzata da moltissime aziende di piccole dimensioni, La situazione tedesca invece era opposta. La Germania, proprio nel 1960, a Colonia riapre al mondo la Koelnmesse, storica esposizione che riguardava proprio il settore della casa e dell'arredamento.

Stand al Salone del Mobile 2008

La nascita[modifica | modifica wikitesto]

Vista la positiva reazione del mondo all'esposizione tedesca, un gruppo di imprenditori italiani del settore, di ritorno da essa, decisero che anche in Italia c'era la possibilità di creare un evento simile. Venne così creato il Cosmit, comitato. Nel 1961 viene inaugurata, presso la Fiera di Milano, la prima edizione del Salone del Mobile. Vi parteciparono 328 aziende, su un'area espositiva di 11.860 e ci furono 12.100 visitatori, di cui 800 provenienti dall'estero.

L'espansione internazionale e il primato[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1967 la rassegna divenne internazionale ad anni alterni e dal 1991 lo sarà per tutti gli anni. Dopo trent'anni dalla prima edizione gli espositori che parteciparono all'edizione del 1991 furono 1 959, (258 esteri) in un'area di 144 000 m², 147 000 furono i visitatori di cui 53 000 provenienti dall'estero. Alla fine dell'edizione del 1994 si tenne una conferenza a Colonia il salone italiano venne dichiarato il primo al mondo. Da quell'anno iniziò il declino della koelnmesse.[1]

Il Salone Internazionale del Mobile oggi[modifica | modifica wikitesto]

Un'esposizione scenografica che mostra tutti i colori presenti in catalogo di un tipo di sedia (2009)

Il Salone Internazionale del Mobile, si svolge annualmente in aprile durante la Settimana del Design presso la Fiera di Milano a Rho. Inizialmente era organizzato nell'area della fiera campionaria ma dal 2005 ha seguito il trasferimento delle attività fieristiche alla nuova sede realizzata dall'architetto italiano Massimiliano Fuksas. L'ultimo giorno dell'evento (la domenica) il salone è aperto anche ai visitatori generici

L'evento più importante correlato è il Fuorisalone[4] L'afflusso di visitatori al Salone del Mobile è anche condizionato da un'altra fiera "inglobata" nella settimana dei Saloni, la biennale Euroluce.[5]

All'evento partecipano aziende produttrici di sedute e mobili per la casa (interno ed esterno), elettrodomestici e materiali (sia di rivestimento sia strutturali). Sono presenti anche concept e prototipi e studi sulle nuove tecnologie, ma anche esercizi di stile e performance di designer famosi ed emergenti.

Durante il Salone del Mobile si svolge il concorso Young e Design.

Settori[modifica | modifica wikitesto]

La manifestazione prevedere le seguenti categorie divise nei rispettivi padiglioni:

  • Classico, mobili dal gusto antico e neoclassico
  • Design, mobili moderni e dal design contemporaneo
  • EuroLuce, complementi d'arredo riguardanti l'illuminazione (evento biennale)
  • EuroCucina, complementi d'arredo per le cucine
  • SaloneSatellite, piccoli stand dedicati ai giovani designer

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b storia e dati societari, comunicato stampa federlegno-arredo (file.pdf) (PDF), mbres.it. URL consultato il 26 giugno 2011.
  2. ^ profilo evento su abcfiere.com, abcfiere.com. URL consultato il 26 giugno 2011.
  3. ^ intervista accordo Federlegno-Arredo e FieraMilano fino al 2032 ( video ), federlegno.it. URL consultato il 26 giugno 2011.
  4. ^ Salone del mobile 2010, articolo su Repubblica "Casa&Design", temi.repubblica.it. URL consultato il 26 giugno 2011.
  5. ^ articolo sul salone del mobile, architetturaedesign.it "Casa&Design", architetturaedesign.it. URL consultato il 26 giugno 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

sito ufficiale del Cosmit