Sala Urbana (Bologna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Collezioni Comunali d'Arte.

Sala Urbana
Bologna. Sala Urbana.jpg
Sala Urbana all'interno delle Collezioni Comunali d'Arte
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBologna
IndirizzoPalazzo d'Accursio, Piazza Maggiore 6
Caratteristiche
TipoAraldica
CollezioniAffreschi
Periodo storico collezioni1630
Superficie espositiva134 
ProprietàComune di Bologna
GestioneComune di Bologna

La Sala Urbana o Sala degli Stemmi venne fatta costruire nel 1630 dal legato pontificio Bernardino Spada che la dedicò a Urbano VIII, il papa che lo aveva reso cardinale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Struttura della sala[modifica | modifica wikitesto]

La sala, progettata dall'architetto Ercole Fichi, è a pianta rettangolare ed è racchiusa fra altri ambienti del palazzo; per permettere alla luce di entrare da ampie finestre, le pareti della sala sono state elevate al di sopra del tetto dell'edificio. Comunica con gli ambienti che la circondano tramite 6 porte (di cui ora 2 sono murate) sugli architravi delle quali è scolpito il nome del committente.

Le pareti[modifica | modifica wikitesto]

Sulle 4 pareti sono stati dipinti 188 stemmi, allineati su quattro file. Sono le insegne araldiche di legati, governatori e amministratori del governo pontificio fra il 1327 e il 1744. Sopra ad ogni insegna è stato dipinto il simbolo della carica ricoperta e sotto un cartiglio che indica il nome del personaggio e la durata dell'incarico. Al di sotto degli stemmi troviamo uno zoccolo monocromo, che imita un fregio scolpito.

Il soffitto[modifica | modifica wikitesto]

Il soffitto piatto è affrescato con un importante esempio di quadratura "che è, di certo il più singolare apporto della città al molteplice vocabolario e alle invenzioni dell'architettura"[1], realizzata dai quadraturisti Girolamo Curti e Agostino Mitelli e completata dalle figure del giovane Angelo Michele Colonna. Anche qui, al centro del soffitto, "una celebrazione del committente, il cardinale Bernardino Spada, i cui emblemi araldici, le spade e i gigli di Francia, si intrecciano nei finti rilievi e sono esaltati nel duello ingaggiato dai tre puttini alati al centro del soffitto"[2].

Ritocchi e restauri[modifica | modifica wikitesto]

La Sala ha subito ritocchi e restauri in varie fasi. Nel 1774 venne ritoccata dal quadraturista Flaminio Minozzi; nel 1852 il cardinale Gaetano Bedini fece restaurare la sala facendo dipingere da Napoleone Angiolini la Memoria di Urbano VIII al centro di una delle pareti lunghe. Nel 1933/34 sotto la direzione dell'ingegnere Guido Zucchini, vennero ritoccate le pitture e abbassato il pavimento di vari centimetri[3]. Fra il 2013 e il 2014 sono stati portati a compimento importanti lavori di manutenzione, restauro e adeguamento dell'impianto elettrico.[4]

A sinistra: alcuni dei 188 stemmi che decorano le pareti. Al centro: il soffitto della sala, dipinto da Angelo Michele Colonna. A destra: Memoria di Urbano VIII, 1852, dipinto da Napoleone Angiolini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eugenio Riccomini, L'arte a Bologna. Dalle origini ai giorni nostri, Bologna, Editoriale Bologna, 2003
  2. ^ BolognaWelcome - Itinerario Sala Urbana
  3. ^ Bologna Welcome - Itinerario Sala Urbana
  4. ^ Sala Urbana Restaurata - Comune di Bologna

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carla Bernardini, Le collezioni comunali d'arte, in Walter Tega (a cura di), Storia illustrata di Bologna, v.3, Milano, Nuova Editoriale Aiep, 1989.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]