Rudolf Agricola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rudolf Agricola

Rudolf Agricola, soprannominato Frisius (in olandese: Roelof Huysman; Baflo, 17 febbraio 1443Heidelberg, 27 ottobre 1485), è stato un umanista olandese.

Nato presso Groninga in Frisia, dal 1484 fu professore di filosofia nell'Università di Heidelberg. Risentì dell'influsso del movimento umanistico d'Italia, dove soggiornò a lungo.

Si inserisce nel filone degli Umanisti stranieri non pienamente convinti del primato della retorica e favorevoli alla dialettica.

Nel De Inventione Dialectica libri tres (1479) critica fortemente Aristotele a causa della sua oscurità e della lontananza dal senso comune e combatte il logicisimo aristotelico-scolastico. Secondo il suo pensiero, nella retorica il docere (insegnare) va difeso dalle "usurpazioni dei retori"[1] sospettati di tendenze edonistiche, poiché è più importante del movere (eccitare, animare) e del delectare (compiacere, rallegrare).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • De Inventione Dialectica libri tres 1479 (trad. it. Venezia, 1567)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pg. 111 De Inventione Dialectica libri tres 1479 (trad. it. Venezia, 1567).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rodolphe Agricola, Écrits sur la dialectique et l'humanisme, a cura di Marc van der Poel, Parigi: Honoré Champion, 1997.
  • Renato Barilli, La retorica. Storia e teoria. L'arte della persuasione da Aristotele ai giorni nostri, Bologna: Logo Fausto Lupetti editore, 2011 (prima edizione 1979).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2559628 · LCCN: (ENn85206391 · ISNI: (EN0000 0001 2275 7539 · GND: (DE118501089 · BNF: (FRcb124127509 (data) · CERL: cnp01302369