Roll20

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roll 20
sito web
URLwww.roll20.net
Tipo di sitoSito per giochi da tavolo virtuali
LinguaInglese
Registrazioneen
Commerciale
ProprietarioThe Orr Group
Creato daRiley Dutton, Nolan Jones, Richard Zayas
Lancio17 settembre 2012
Scritto inHTML5[1]

Roll20 è un sito internet che contiene una collezione di strumenti per giocare ai giochi di ruolo da tavolo, creando un tavolo da gioco virtuale dove i giocatori possono giocare collegandosi online. Il sito è stato lanciato nel 2012 dopo una campagna di successo su Kickstarter.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Roll20 fu originariamente concepito come progetto personale di tre studenti di un college, Riley Dutton, Nolan Jones e Richard Zayas, per aiutarli a continuare a giocare a Dungeons & Dragons dopo essersi laureati ed essersi trasferiti in città differenti. Dopo essersi resi conto che la loro applicazione avrebbe potuto aiutare altre persone allo stesso modo, hanno iniziato una campagna su Kickstarter nella primavera del 2012 con un obbiettivo di finanziamento di 5000 $; la campagna arrivò però a quasi 40.000 $[2]. Dopo un breve periodo di beta test che seguì la fine della campagna di Kickstarter, Roll20 fu rilasciato al pubblico nel settembre del 2012[3].

Nel luglio 2016, Roll20 annunciò l'acquisizione della licenza dalla Wizards of the Coast per il materiale originale di Dungeons & Dragons[1][4]. Assieme a questo annuncio, pubblicarono nel mercato acquisti di Roll20 il primo dei tre moduli ufficiali della quinta edizione di Dungeons & Dragons, The Lost Mine of Phandelver.

Roll20 raggiunse 1 milione di utenti nel luglio 2015 e 2 milioni di utenti nel gennaio 2017[2][5].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Roll20 è strutturato in sessioni di gioco individuali, che gli utenti possono creare o a cui si possono unire. Queste sessioni di gioco includono varie caratteristiche tipiche dei giochi di ruolo da tavolo, incluse le schede dei personaggi, tiri di dado automatizzati, creazione di mappe con personaggi e creature, ed effetti sonori[4][6][7]. L'interfaccia della sessione di gioco include inoltre una chat di testo, vocale e video, compresa l'integrazione di Google Hangouts[8]. Roll20 contiene anche un mercato separato, dove moduli completi, assets di gioco, ed altri contenuti artistici possono essere acquistati o venduti. Sono comunque presenti contenuti gratuiti, così come contenuti e funzioni extra disponibili per i subscriber, come per esempio luci dinamiche o nebbia di guerra per le mappe.[6].

Oltre alla versione principale di Roll20 per i browser dei computer desktop, vi è anche la versione per iPad e Android. Queste versioni Mobile sono focalizzate sull'esperienza di gioco del giocatore, contenendo meno funzioni di gioco rispetto alla versione desktop originale[9].

Oltre alle varie edizioni di Dungeon & Dragons, Roll20 supporta anche altri sistemi di gioco utilizzati nei più famosi giochi da tavolo, come Pathfinder, Shadowrun, Gamma World, Traveller, e molti altri sistemi di gioco[1][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Cal Jeffrey, Roll20 brings official 'Dungeons & Dragons' content to the virtual table, su Inquisitr, 1º agosto 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  2. ^ a b Heather Mongilio, Roll20 Creates Digital Game Table, su ARLnow.com, 27 luglio 2015. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  3. ^ Riley Dutton, Roll20 Goes 'Live', su Roll20 Blog, 17 settembre 2012. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  4. ^ a b David Murphy, Dungeons and Dragons Debuts on Virtual Tabletop 'Roll20', su PC Magazine, 28 luglio 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  5. ^ Suzanne Wallace, Over 2 Million Gamers!, su Roll20 Blog, 17 gennaio 2017. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  6. ^ a b c Jacob Brogan, Welcome to the Virtual Tabletop, su Slate, 9 agosto 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  7. ^ Tom Senior, How Roll 20 brings the spirit of D&D to PC, su PC Gamer, 17 marzo 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  8. ^ Charlie Hall, D&D on your tablet and in your browser, complete with dice and a Dungeon Master, su Polygon, 28 luglio 2016. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  9. ^ Jonathan Bolding, Virtual Tabletop Program Roll20 Comes to Mobile Devices, su The Escapist, 31 marzo 2015. URL consultato il 3 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roll20 Alternatives