Roberto De Gaetano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto De Gaetano nel 2016

Roberto De Gaetano (Roma, 7 gennaio 1965) è un accademico e saggista italiano, professore ordinario di Filmologia presso l'Università della Calabria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in Lettere all’Università degli Studi di Roma "La Sapienza", è stato docente all’Università degli Studi di Torino e al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Insegna all’Università della Calabria,[1] dove ha coordinato, dal 2010 al 2020, il Dottorato Internazionale di Studi Umanistici. Ha anche presieduto il Centro Arti Musica e Spettacolo dello stesso ateneo,[2] dove è – dal gennaio 2020 – delegato del Rettore allo Spettacolo.

Nel 2006 ha fondato Fata Morgana, rivista quadrimestrale di cinema.[3] Dal 2017 dirige anche la versione digitale della rivista, Fata Morgana Web. Ha ricevuto, nel 1997, il premio Diego Fabbri - Ente dello Spettacolo e, nel 2019, il premio Limina per il Miglior Libro Italiano di Studi sul Cinema: Cinema Italiano: forme, identità, stili di vita[4].

Si dedica alla ricerca sulle teorie del cinema, sul rapporto tra cinema e filosofia e sulle forme e i generi del cinema italiano. Sul suo testo Lessico del cinema italiano si sono espressi Gianni Amelio, che ha detto: "Non è il solito libro di cinema, è un bel romanzo, dove i film entrano come testimoni di qualcosa che c'era prima di loro"[5] e Mario Martone, che ha commentato: "Quello che questo libro mette in movimento è un'idea libera del cinema e un'idea libera dell'Italia. Ed è qualcosa di cui abbiamo molto bisogno".

Lavori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ prof. De Gaetano Roberto, su Portale Unical - Università della Calabria. URL consultato il 25 settembre 2018.
  2. ^ Unical, Roberto De Gaetano nuovo presidente del Cams, in ApprodoNews, 16 luglio 2014. URL consultato il 27 settembre 2018.
  3. ^ Roberto De Gaetano | La potenza delle immagini | Rapporto Confidenziale, in Rapporto Confidenziale, 29 agosto 2012. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  4. ^ I vincitori del Premio Limina 2019, su consultacinema.org.
  5. ^ CSC - Cineteca Nazionale, Lessico del cinema italiano, 22 aprile 2015. URL consultato il 10 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56778028 · LCCN (ENn94032691 · WorldCat Identities (ENlccn-n94032691