Robert Liston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Robert Liston

Robert Liston (Ecclesmachan, 28 ottobre 1794Londra, 7 dicembre 1847) è stato un chirurgo scozzese, pioniere della chirurgia, famoso per la sua abilità in un'epoca in cui non era ancora usata l'anestesia e la velocità nell'eseguire l'intervento poteva fare la differenza in termini di dolore e possibilità di sopravvivenza.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in un villaggio del Linlithgowshire, Robert era figlio del pastore scozzese e inventore Henry Liston (1771-1836) e nipote di un altro Robert Liston (1730–1796), Moderatore dell'Assemblea Generale della Chiesa di Scozia. Liston studiò a Edimburgo, seguendo le lezioni di John Barclay (1758-1826) e terminando poi gli studi a Londra[1]. Nel 1818 divenne docente di anatomia presso l'Università di Edimburgo e chirurgo alla Royal Infirmary della stessa città. Il suo carattere rude e a volte arrogante gli inimicò la classe medica della città, tanto che nel 1835 accettò la cattedra Clinica Chirurgica presso l'University College di Londra. Tuttavia la sua popolarità era tale che si organizzò una cena pubblica in suo onore prima della partenza. Era un chirurgo abile e veloce, specializzato soprattutto nella calcolosi vescicale e nelle amputazioni[2], per le quali inventò nuove tecniche e strumenti. Alcuni di questi strumenti, tra cui alcuni tipi di forcipe, sono in uso ancora oggi.

Poteva vantarsi di amputare un arto in meno di 2 minuti e mezzo, anche se questi interventi non erano privi di rischi: in uno dei suoi casi amputò una gamba così velocemente che finì per tagliare via anche i testicoli del paziente[3]. In un altro caso di amputazione della gamba svoltosi in meno di 2 minuti e mezzo il paziente morì dopo pochi giorni a causa della cancrena (cosa che succedeva con una certa frequenza in un'epoca che non conosceva l'importanza dell'igiene): durante l'operazione Liston recise per errore alcune dita di un suo giovane assistente, che morì dopo qualche tempo sempre di cancrena, e, inoltre, perforò il cappotto di uno spettatore, il quale morì per lo spavento: si tratta dell’unico intervento della storia con mortalità del 300%.[3]

Il 21 dicembre 1846 eseguì la prima operazione in Europa sotto anestesia utilizzando l'etere[3], una sostanza introdotta negli Stati Uniti in quegli anni, al posto dei metodi "ipnotici" usati in Inghilterra. Egli commentò il nuovo metodo con queste parole: "Questo trucco yankee batte ogni mesmerismo"[3]. Le sue pubblicazioni principali sono The Elements of Surgery (1832) e Practical Surgery (1837), oltre a numerosi articoli sui giornali scientifici dell'epoca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Liston, in "Gazetteer for Scotland"
  2. ^ Agostino Palmerini, Robert Liston, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 9 luglio 2016.
  3. ^ a b c d Richard Gordon, Great Medical Disasters, 2001, Londra, House of Stratus. pp. 1–3. ISBN 1-84232-519-1

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN77099443 · ISNI (EN0000 0000 6139 1974 · LCCN (ENnr91032411 · GND (DE117676187 · CERL cnp01090679