Rinaldo Bianchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rinaldo Bianchetti

Rinaldo Bianchetti (Genova, 17 novembre 1882Ruta di Camogli, 21 novembre 1963) è stato uno scacchista e compositore di scacchi italiano, Maestro "Ad Honorem".

Di professione ingegnere industriale, cominciò a frequentare da giovane il Circolo Scacchistico Genovese. Compose oltre un centinaio di studi, particolarmente di re e pedoni.[1] Nel 1925 pubblicò una monografia dal titolo Contributo alla Teoria dei finali di Soli pedoni,[2] in cui sviluppa ulteriormente la teoria delle case reciproche, inizialmente introdotta da C. E. C. Tattersal[3]. Il libro di Bianchetti è stato oggetto di plagio, tradotto in francese col nome di diverso autore[4]

Amico dello studista francese Henri Rinck, è considerato uno degli analisti più profondi della prima metà del Novecento.[senza fonte] Fu redattore della sezione studi della rivista L'Italia Scacchistica dal 1923 al 1926 e poi dal 1946 al 1957.

Uno studio di Rinaldo Bianchetti[modifica | modifica wikitesto]

L' Italia Scacchistica, 1925
abcdefgh
8
Chessboard480.svg
h8 re del nero
f6 torre del nero
c3 torre del bianco
a1 re del bianco
c1 alfiere del bianco
8
77
66
55
44
33
22
11
abcdefgh
Il Bianco muove e vince

Questo studio si risolve con manovre ad eco perfettamente simmetriche.

Dopo 1. Ab2!  il nero non può rispondere 1. ...Tf7 né 1. ...Tg6 per il seguito 2. Th3+ o Tc8+ con matto alla successiva. Per tentare di salvare la torre deve muovere  1. ...Tf8 o simmetricamente 1. ...Th6. Ma il bianco riesce anche in questo caso a guadagnare la torre: 2. Tc7+ Rg8  3. Tg7+ Rh8  4. Ra2! (se 1. ...Th6 2. Tg3+ , 3. Tg7+, 4. Rb1!). Alla quarta mossa i movimenti del re non possono essere invertiti. Infatti, nella prima continuazione, se 4. Rb1? Tf1+ 5. re muove, T+ con perpetuo oppure stallo.

Si ha una continuazione analoga nella variante con 1. ...Th6.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN287711127 · ISNI (EN0000 0003 9345 8661