Riccardo Pellegrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il ponte medievale sul Ticino a Pavia, 1900 ca. (Fondazione Cariplo)

Riccardo Pellegrini (Milano, 1863Crescenzago, 31 marzo 1934) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi nella Milano del Romanticismo, studiò a Roma e a Napoli, seguito da Domenico Morelli; viaggiò a lungo per le nazioni d'Europa, tra cui Inghilterra, Francia e Spagna, quest'ultima importante fonte di ispirazione per i soggetti rusticani spagnoli di molti suoi quadri.

A Pisa gli venne dedicata una mostra con 19 tele esposte[1].

Il viaggio in Spagna lo ispirò anche nella sua attività di illustratore, che lo vide realizzare disegni per le maggiori riviste dell'epoca. Sempre in Spagna illustrò il Don Chisciotte di Cervantes e il Gil Blas di Alain-René Lesage[2].

Realizzò poi molti soggetti per cartoline che sono oggi da collezione.

I suoi resti riposano al Cimitero Monumentale di Milano[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Predilige soggetti quali marine e paesaggi. Le sue opere, a seconda delle tecniche e delle dimensioni, hanno un buon mercato con diverse decine di passaggi di mano ogni anno e sono valutate, per gli oli su tela, dai 5.000 ai 30.000 €[4]. Fra le opere più note:

  • Scene di pesca (1887)
  • Donne eleganti in riva al lago (1897)
  • Acquaiola[5]
  • Ritratto di fanciulla
  • A Siviglia
  • Bolero Andaluso
  • Mercato Arabo (1890 circa), olio su tavola, Breno, Museo Camuno
  • Barche con pescatori, esposto alla Galleria "Il Pitocchetto" di Brescia[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Voci e Incontri, Centro Studi Elrond. URL consultato il 04-12-2008.
  2. ^ Riccardo Pellegrini[collegamento interrotto], Comune di Teolo. URL consultato il 04-12-2008.
  3. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.
  4. ^ (EN) Auction result for Riccardo pellegrini, Find Art Info. URL consultato il 04-12-2008.
  5. ^ Catalogo Bolaffi della Pittura Italiana dell'Ottocento n.9, G. Bolaffi Editore, 1980
  6. ^ Dipinto di Riccardo Pellegrini, Galleria il Pitocchetto. URL consultato il 04-12-2008 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN229377167 · ISNI (EN0000 0003 7479 2541 · GND (DE1051410592 · BNF (FRcb14968954v (data) · ULAN (EN500109477
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie