Rheae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rheae
Greater rhea pair arp.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Ordine Struthioniformes
Sottordine Rheae
Famiglie

I Nandù (Rheae Forbes, 1884) sono un sottordine degli Struthioniformes che comprende una sola famiglia, i Reidi (Rheidae), con 2 generi, 2 specie e 8 sottospecie.

Allo stato fossile si conoscono altri 2 generi monospecifici. La famiglia Opistodattilidi (Opisthodactylidae), conosciuta solo allo stato fossile, comprende altri 2 generi e 2 specie ma spesso è inclusa nella famiglia Rheidae.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta dei più grandi uccelli dell'America Latina non capaci di volare. La struttura fisica è composta da un corpo forte e zampe massicce causate dalla vita terrestre. Il piumaggio è grigio o bruno con dei riflessi chiari. Il nandù pesa 20–25 kg ed è alto circa 135 cm. Non vi sono caratteristiche differenti che contraddistinguono i due sessi della specie.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questo uccello vive nelle praterie del Brasile meridionale e della Patagonia.

Nel 2018 è stato segnalato che da tre coppie di nandù fuggite qualche anno prima da un allevamento vicino a Lubecca (Germania settentrionale) si è originata una popolazione selvatica di 566 nandù (secondo il conteggio del Ministero dell’Agricoltura) che ha raggiunto il Meclemburgo e in particolare l'area protetta di Schaalsee, suscitando la protesta dei coltivatori che lamentano la distruzione delle coltivazioni di cereali.[1][2]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il nandù non sia in grado di volare, possiede delle ali piuttosto ampie. Queste possono essere aperte ed utilizzate per allontanare eventuali predatori

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Big South American Birds on the Loose in Northern Germany, su dw.com, 3 agosto 2018. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  2. ^ Struzzo sudamericano in Germania, proteste agricoltori, ANSA, 18 dicembre 2018. URL consultato il 12 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli