Renato Albertini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renato Albertini
Renato Albertini.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI
Gruppo
parlamentare
Rifondazione Comunista
Collegio Parma
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XIII
Gruppo
parlamentare
Rifondazione Comunista
Circoscrizione Emilia Romagna
Collegio 10 - Sassuolo
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Rifondazione Comunista
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione Politico

Renato Albertini (Parma, 15 settembre 1928Parma, 2 luglio 2006) è stato un politico e partigiano italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Partigiano, consigliere comunale, vicesindaco di Parma, assessore della regione Emilia-Romagna, dirigente politico nazionale del Partito Comunista Italiano, al cui scioglimento aderisce al Partito della Rifondazione Comunista, con il quale diviene deputato nel 1992. Nel 1995 è candidato presidente alle elezioni regionali emiliane e ottiene l'8,83% senza però essere eletto in consiglio regionale. Alle Elezioni politiche del 1996 viene eletto al Senato. Dopo la caduta del Governo Prodi, nell'ottobre 1998 segue Armando Cossutta e Oliviero Diliberto nella scissione che dà vita al Partito dei Comunisti Italiani e vota la fiducia ai successivi Governi di centrosinistra.

Sposato con Giorgetta Grossi, ebbe una figlia, Franca, dalla quale ha avuto un nipote, Marcello Pietroni.

Morì a Parma il 2 luglio 2006.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]