Rapporto sullo sviluppo umano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mappa globale dell'Indice di Sviluppo Umano nel 2013.

     Molto alto

     Basso

     Alto

     Nessun dato

     Medio

Mappa indice sviluppo umano (2012).[1]

     0.900 e oltre

     0.850–0.899

     0.800–0.849

     0.750–0.799

     0.700–0.749

     0.650–0.699

     0.600–0.649

     0.550–0.599

     0.500–0.549

     0.450–0.499

     0.400–0.449

     0.350–0.399

     0.349 e meno

     Nessun dato

Il Rapporto sullo sviluppo umano[2] (in inglese Human Development Report, HDR) è una pubblicazione annuale dell'Ufficio per il Rapporto sullo sviluppo umano del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP).[3]

Nel 2013 si sono notate convergenze nell'indice ISU a livello globale nell'ultima decade, anche se con varie irregolarità tra le regioni analizzate. Le nazioni in via di sviluppo sono quelle che hanno segnato i progressi maggiori.[4]

Alcune proiezioni del 2013 indicano che nel 2020 il PIL combinato di tre stati singoli (Brasile, Cina e India) sorpasserà quello di Canada, Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti.[5]

La crescita economica non si traduce necessariamente in sviluppo umano, così il rapporto ha segnalato la necessità di aumentare l'impegno nei campi dell'educazione, della nutrizione, della salute e del lavoro.

Il rapporto 2013 identifica quattro aree di sviluppo sostenibile:

È critica nei confronti della governance globale e delle istituzioni obsolete che non rispecchiano l'economia reale e la realtà geopolitica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione risale al 1990 opera del pakistano Mahbub ul Haq e del Nobel indiano Amartya Sen.[6]

(EN)

«People are the real wealth of a nation»

(IT)

«Le persone sono la vera ricchezza di una nazione»

Sulle linee guida del primo rapporto del 1990, Mahbub ul Haq scrisse le seguenti parole

(EN)

«The basic objective of development is to create an enabling environment for people to enjoy long, healthy and creative lives. This may appear to be a simple truth. But it is often forgotten in the immediate concern with the accumulation of commodities and financial wealth.»

(IT)

«L'obiettivo di base dello sviluppo è creare un ambiente favorevole per permettere alle persone di vivere delle vite lunghe, sane e creative. Ciò può sembrare una semplice verità. Ma è spesso dimenticata nell'ottica della preoccupazione immediata con l'accumulazione di beni e benessere finanziario.»

Le Nazioni Unite hanno definito il report come “un esercizio intellettuale indipendente” e “un importante strumento per sensibilizzare circa lo sviluppo umano nel mondo”.

Il Rapporto sullo sviluppo umano è un documento indipendente, commissionato dal Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), ed è il prodotto di un tema selezionato di ricercatori, specialisti dello sviluppo e membri dell'Ufficio per il Rapporto sullo sviluppo umano dell'UNDP. È indipendente dall'amministrazione UNDP, come suggerito da Mahbub ul Haq.[7] È tradotto in svariate lingue e pubblicato annualmente in più di 100 paesi.[6]

Dal 1990, più di 140 paesi hanno pubblicato circa 600 report nazionali[8], con il supporto dell'UNDP. L'UNDP ha sponsorizzato diversi rapporti regionali[9], come i dieci volumi della serie Arab Human Development Report.

Il rapporto sullo sviluppo umano del 2010 evidenzia come alcuni paesi in via di sviluppo mostrino sviluppi sottostimati nel campo della salute, dell'educazione e degli standard di vita basilari dal 1970.[10]

Nel rapporto del 2010, il Sultanato dell'Oman è risultato, fra le 135 nazioni esaminate nei 40 anni antecedenti, il più progressivo di tutti i paesi.

Diversi indici sono stati introdotti nel corso degli anni:

Gli ultimi tre indici sono stati sostituiti nel 2010 con:

Nel 2009 il Rapporto sullo sviluppo umano, intitolato Overcoming Barriers: Human mobility and development[11], è stato scritto con un'attenzione particolare al tema dei confini e delle migrazioni.

Rapporto sullo sviluppo umano del 2010[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione 2010 del Rapporto sullo sviluppo umano, dal titolo La vera ricchezza delle nazioni: Vie dello sviluppo umano[10], analizza l'andamento a lungo termine dell'indice di sviluppo umano (ISU) e mostra un aumento notevole nel valore di diversi parametri nei paesi in via di sviluppo.

L'introduzione di tre nuovi parametri nel 20º anniversario del rapporto[12][13] mostra diseguaglianze tra le nazioni, profonde disparità tra donne e uomini su diversi indici di sviluppo[14][15], e la presenza di povertà estrema multidimensionale nell'Asia meridionale e nell'Africa subsahariana.[16][17][18]

Il primo Rapporto sullo sviluppo umano[19], che introduce l'indice ISU[20] e analizza le decadi precedenti, si conclude con le seguenti parole:

(EN)

«there is no automatic link between economic growth and human progress.»

(IT)

«non esiste alcuna correlazione automatica fra la crescita economica e il progresso umano,»

Le analisi mostrate nel rapporto[17] risalgono ai 40 anni antecedenti e mostrano, fra le altre cose, un aumento dell'aspettativa di vita da 59 anni nel 1970 a 70 nel 2010 e l'incremento del tasso di scolarizzazione nella scuola primaria e secondaria dal 55% al 70%. Dati vari mostrano come l'aspettativa di vita sia aumentata di 18 anni dal 1970 al 2010 nei paesi arabi, ma solo di 8 anni nell'Africa subsahariana. Le 135 nazioni analizzate nel rapporto costituiscono il 92% della popolazione globale.

Le dieci nazioni che hanno incrementato maggiormente il tenore di vita dei propri abitanti vengono definite "Top Movers" e sono, in ordine: Oman, Cina, Nepal, Indonesia, Arabia Saudita, Laos, Tunisia, Corea del Sud, Algeria e Marocco.

Il rapporto 2010 continua la tradizione dell'ISU di misurare l'innovazione con nuovi indici che introducono fattori non direttamente riflessi nell'indice ISU[21]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The 2013 Human Development Report – "The Rise of the South: Human Progress in a Diverse World", HDRO (Human Development Report Office) United Nations Development Programme, pp. 144–147. URL consultato il 2 marzo 2013.
  2. ^ Rapporto sullo sviluppo umano 2013, su hdr.undp.org.
  3. ^ Reports (1990-2013) | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 22 settembre 2013.
  4. ^ Summary Human Development Report 2013 | United Nations Development Programme (UNDP) (PDF), Hdr.undp.org. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  5. ^ 2013 Human Development Report | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  6. ^ a b c History of the Human Development Report, United Nations Development Programme. URL consultato il 15 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2013).
  7. ^ United Nations Intellectual History Project (PDF), Unhistory.org. URL consultato il 22 settembre 2013.
  8. ^ (EN) 24 Years of Human Development Reports - national reports, su hdr.undp.org (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2013).
  9. ^ (EN) 24 Years of Human Development Reports, su hdr.undp.org (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2013).
  10. ^ a b Sommario | Rapporto sullo Sviluppo Umano 2010 | Edizione del 20º Anniversario | La vera ricchezza delle nazioni: Vie dello sviluppo umano (PDF), su hdr.undp.org.
  11. ^ Rapporto sullo Sviluppo Umano 2009 (UNDP), su unric.org.
  12. ^ Indices & Data | Composite Indices | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2013).
  13. ^ Media | 2011 Report Summary | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2013).
  14. ^ Media | 2011 Report Summary | Gender inequality | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2013).
  15. ^ International Human Development Indicators - UNDP, Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013.
  16. ^ Media | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 16 novembre 2013).
  17. ^ a b Indices & Data | Getting and Using Data | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013.
  18. ^ Media | 2011 Report Summary | Multidimensional poverty | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2013).
  19. ^ Reports (1990-2013) | Global Reports | HDR 1990 | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013.
  20. ^ Indices & Data | Human Development Index | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013.
  21. ^ Media | 2011 Report Summary | New measures | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2013).
  22. ^ Media | 2011 Report Summary | Adjusting the HDI | Human Development Reports (HDR) | United Nations Development Programme (UNDP), Hdr.undp.org. URL consultato il 7 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rapporti recenti: