Quattro Canti (Catania)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un angolo dei Quattro canti con la via Etnea.

I Quattro Canti sono costituiti dall'incrocio della via Etnea con la via Antonino di Sangiuliano.

I quattro palazzi, costruiti nello stesso stile architettonico, hanno gli angoli smussati creando così uno spiazzo a forma ottagonale.

I quattro palazzi sono degli edifici di nobili casati catanesi ed appartengono ai marchesi Paternò Castello di San Giuliano (sud-est), ai duchi Paternò Castello di Carcaci (nord-est), alla famiglia Massa di San Demetrio (nord-ovest) ed il Convento di San Nicolella (sud-ovest).

Fu proprio da un balcone dell'edificio di sud-est che nell'estate del 1862, che Giuseppe Garibaldi, dopo aver occupato la Sicilia durante la campagna per l'Unità d'Italia, pronunciò la famosa frase "O Roma o morte!".[1]

Dal 1915 al 1935 l'area fu attraversata dai binari della tranvia Catania-Acireale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • pagine 260 p., ill., brossura Maria Teresa Di Blasi; Concetta Greco Lanza, Il Cicerone. Storia, itinerari, leggende di Catania, II ed., Catania, Edizioni Greco, 2007, ISBN 978-88-7512-060-3.

Coordinate: 37°30′18″N 15°05′12.6″E / 37.505°N 15.086833°E37.505; 15.086833