Quaderni in ottavo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Quaderni in ottavo
Titolo originale Die Acht Oktavhefte
Autore Franz Kafka
1ª ed. originale 1953
1ª ed. italiana 1972
Genere diario
Lingua originale tedesco

I cosiddetti Quaderni in ottavo sono otto quaderni di Franz Kafka, scritti tra il 1914 e il 1917 ed editi postumi da Max Brod. Da Heft A a Heft H, essi vengono descritti da Brod come azzurri, "di quelli che in ginnasio chiamavamo quadernetti dei vocaboli"[1]. In realtà l'ed. critica[2], rispetto quella di Brod[3], ne risistemerà l'ordine e la numerazione. Oggi in tedesco sono pubblicati anche in edizione con CD-ROM riproducente fotograficamente i manoscritti[4].

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nota a p. 125 dell'ed. SE, cit. Cfr. anche l'introduzione di Roberto Fertonani, all'ed. Mondadori, p. X.
  2. ^ I due volumi dei Nachgelassene Schriften und Fragmente, a cura di Malcolm Pasley e Jost Schillemeit, Fischer, Frankfurt a. M., 1992 e 1998, tagliano in due gli otto quaderni, sei nel primo volume e gli ultimi due (che Brod considerava terzo e quarto) nel secondo. Solo questo è tradotto come Il silenzio delle sirene. Scritti e frammenti postumi 1917-24, a cura di Andreina Lavagetto, Feltrinelli, Milano 1994.
  3. ^ Hochzeitsvorbereitungen auf Lande und andere Prosa aus dem Nachlass, Fischer Verlag, Franfurt am Main, 1953, pp. 55-161. È il sesto volume delle Gesammelte Werke.
  4. ^ A cura di Roland Reuß e Peter Seaengle, Stroemfeld Verlag, 2004.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura