Punti antipodali (matematica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In matematica, i punti antipodali su una sfera generalizzano il concetto geografico di punti antipodali sulla Terra anche a sfere di dimensioni arbitrarie.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

Una sfera di dimensione è descritta dall'equazione

nello spazio euclideo -dimensionale .

Il punto antipodale ad un punto è il punto : tutte le coordinate cambiano cioè di segno.

Spazio quoziente[modifica | modifica wikitesto]

Lo spazio quoziente rispetto alla relazione di equivalenza di antipodalità è lo spazio proiettivo reale, oggetto fondamentale della geometria proiettiva.

Mappa antipodale[modifica | modifica wikitesto]

La funzione che associa ad ogni punto di una sfera il suo antipodale è detta mappa antipodale.

La mappa antipodale preserva l'orientazione della sfera se e solo se è dispari. Infatti la funzione è la restrizione della funzione lineare

associata alla matrice opposta alla matrice identità . Il determinante di questa matrice è , ed il suo segno è quindi effettivamente positivo solo per dispari.

Per questo motivo, lo spazio proiettivo è orientabile solo per dispari.

Teorema di Borsuk-Ulam[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Teorema di Borsuk-Ulam.

Il teorema di Borsuk-Ulam è un risultato di topologia riguardante i punti antipodali in dimensione arbitraria: asserisce che ogni funzione continua da una sfera in uno spazio euclideo della stessa dimensione manda due punti antipodali sullo stesso punto (in particolare, non può essere iniettiva).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica