Publio Valerio Levino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Publio Valerio Levino
Nome originalePublius Valerius Laevinus
GensValeria
Consolato280 a.C.

Publio Valerio Levino (latino: Publius Valerius Laevinus; ... – ...) è stato un console romano del III secolo a.C.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Venne eletto console assieme a Tiberio Coruncanio nel 280 a.C. Il 1º luglio dello stesso anno era a capo delle truppe romane nella battaglia di Eraclea. Venne sconfitto dalle truppe epirote/tarantine comandate dal re Pirro d'Epiro che nella battaglia usò, per la prima volta, gli elefanti da guerra.

Levino è citato da Fazio degli Uberti nel "Dittamondo" (Libro I, Capitolo XXII):

«E credo ben che non avria perduto
Levino contro a lui, di sopra Liro,
se avesse a' leofanti proveduto.»

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]