Publio Decio Mure (console 279 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Publio Decio Mure
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Domenico Ghirlandaio - Trois héros antiques.jpg
Domenico Ghirlandaio, Tre eroi antichi: Decio Mure, Scipione l'Africano e Cicerone, Palazzo Vecchio, Sala dei Gigli, Firenze
Nome originale Publius Decius Mus
Gens Decia
Consolato 279 a.C.

Publio Decio Mure (latino: Publius Decius Mus; ... – 279 a.C.) fu uomo politico della Repubblica romana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Publio Decio Mure, console nel 279 a.C., sconfitto nella battaglia di Ascoli Satriano da Pirro, morì sul campo come gli avi immolandosi agli dei.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cicerone, Tuscolanae Disputationes, I.37.89
Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Publio Valerio Levino
e
Tiberio Coruncanio
(279 a.C.)
con Publio Sulpicio Saverrione
Quinto Emilio Papo II
e
Gaio Fabricio Luscino II