Publio Decio Mure (console 279 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Publio Decio Mure
Domenico Ghirlandaio - Trois héros antiques.jpg
Domenico Ghirlandaio, Tre eroi antichi: Decio Mure, Scipione l'Africano e Cicerone, Palazzo Vecchio, Sala dei Gigli, Firenze
Nome originalePublius Decius Mus
GensDecia
Consolato279 a.C.

Publio Decio Mure (latino: Publius Decius Mus; ... – 279 a.C.) fu uomo politico della Repubblica romana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Publio Decio Mure, console nel 279 a.C., sconfitto nella battaglia di Ascoli Satriano da Pirro, morì sul campo come gli avi immolandosi agli dei. Pirro era vittorioso ma ad un costo di perdite umane così alto che la sicurezza di Asculum era comunque garantita. Questa è probabilmente l'origine del termine "vittoria di Pirro".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cicerone, Tuscolanae Disputationes, I.37.89
Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Publio Valerio Levino
e
Tiberio Coruncanio
(279 a.C.)
con Publio Sulpicio Saverrione
Quinto Emilio Papo II
e
Gaio Fabricio Luscino II