Psyonix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Psyonix Studios)
Jump to navigation Jump to search
Psyonix LLC
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione2000
Fondata daDave Hagewood
Sede principaleSan Diego
GruppoEpic Games
SettoreVideogiochi
Sito webpsyonix.com/

Psyonix è un'azienda produttrice di videogiochi statunitense. Fondata nel 2000 da Dave Hagewood, la società è meglio conosciuta per il suo gioco del 2015 Rocket League. Nel maggio 2019, Psyonix è stata acquisita da Epic Games.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Psyonix è stata fondata nel 2000 da Dave Hagewood, dopo che lo stesso aveva precedentemente sviluppato software multimediale e per Internet.[1] Il suo primo progetto di gioco è stato Proteus, che è stato cancellato.[1] Nel dicembre 2009, Psyonix e il suo intero team si sono trasferiti da Raleigh (Carolina del Nord), a nuovi uffici situati in prossimità del Gaslamp Quarter di San Diego, in California.[2]

Dopo aver collaborato con Epic Games per Unreal Tournament 2003, Unreal Tournament 2004 e Gears of War[3], ha sviluppato Supersonic Acrobatic Rocket-Powered Battle-Cars (2008).[4] Il seguito del gioco, Rocket League, è stato un successo commerciale e di critica.[5]

A maggio 2019 viene annunciata l'acquisizione di Psyonix da parte di Epic Games.[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b hal, BU Interviews: Psyonix, su BeyondUnreal, 24 marzo 2004. URL consultato il 29 novembre 2016.
  2. ^ Dave Hagewood, Psyonix, Inc. Moves into New San Diego Office, su Gamasutra, 17 dicembre 2009. URL consultato il 29 novembre 2016.
  3. ^ (EN) Psyonix Studios Interview, su Gaming Nexus, 13 ottobre 2008.
  4. ^ (EN) Psyonix Licenses UE3 For Supersonic Acrobatic Rocket-Powered Battle-Cars, su Gamasutra, 8 settembre 2008.
  5. ^ (EN) Eddie Makuch, Rocket League Dev Has "Exciting" New Games in the Works, su GameSpot, 5 aprile 2016.
  6. ^ (EN) Psyonix is Joining the Epic Family!, su rocketleague.com, 1º maggio 2019.
  7. ^ (EN) Michael McWhertor, Epic Games to acquire Rocket League studio Psyonix, su Polygon, 1º maggio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]