Prodanelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lo stemma dei Prodanelli

La famiglia Prodanelli (nelle fonti anche Prodanello o Prodaneli, in croato Prodanelić, o Prodančić) fu una famiglia nobile della Repubblica di Ragusa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Prodanelli provennero a Ragusa da Zara, venendo ammessi fra le famiglie nobili nel 1112. Come tutte le casate, si dividero in vari rami, che a loro volta assunsero dei soprannomi: un ramo dei Prodanelli che ebbe una certa importanza fra la fine del Duecento e la prima metà del Quattrocento fu quello dei Bausella (nelle fonti anche Bauxella, Baugella o Bauchella, in croato Bavželić o Bavčilić).

Fra il 1440 e il 1640 i Prodanelli contarono 24 membri del Maggior Consiglio, pari al 1,09% sul totale[1]. In questi duecento anni, ottennero anche 20 cariche senatoriali (0,61%), 20 volte la qualifica di Rettore della Repubblica (0,84%), 20 membri del Minor Consiglio (0,92%) e 10 Guardiani della Giustizia (1,22%)[2].

La famiglia risulta estinta alla fine del XVIII secolo.

Personalità notabili (in ordine cronologico)[modifica | modifica wikitesto]

  • Marino Prodanelli (XVI secolo) - Uomo d'armi, prestò servizio per la casata di Spagna, comandando il galeone San Nicolò nell'Invincibile Armada. La nave venne affondata nel 1588, al largo delle coste irlandesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zdenko Zlatar, "Huius... est omnis Rei Publicae potestas": Dubrovnik's patrician houses and their partecipation in power (1440-1640), in Dubrovnik Annals, 6/2002, p. 54.
  2. ^ Zdenko Zlatar, Op. cit., p. 60.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Maria Appendini, Notizie istorico-critiche sulle antichità storia e letteratura de' Ragusei, Dalle stampe di Antonio Martecchini, Ragusa 1803
  • Renzo de' Vidovich, Albo d'Oro delle famiglie nobili patrizie e illustri nel Regno di Dalmazia, Fondazione Scientifico Culturale Rustia Traine, Trieste 2004
  • Simeone Gliubich, Dizionario biografico degli uomini illustri della Dalmazia, Vienna-Zara 1836
  • Giorgio Gozzi, La libera e sovrana Repubblica di Ragusa 634-1814, Volpe Editore, Roma 1981
  • Robin Harris, Storia e vita di Ragusa - Dubrovnik, la piccola Repubblica adriatica, Santi Quaranta, Treviso 2008
  • Konstantin Jireček, L'eredità di Roma nelle città della Dalmazia durante il Medioevo, 3 voll., AMSD, Roma 1984-1986

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]