Francesco Maria Appendini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Maria Appendini (Poirino, 6 novembre 1769Zara, 30 gennaio 1837) è stato uno storico e letterato italiano, che insegnò retorica al liceo convitto di Ragusa, in Dalmazia.

Quando Napoleone annetté la città di Ragusa al Regno d'Italia (1807) e il maresciallo Marmont venne nominato duca di Ragusa (maggio 1808), Appendini fu incaricato di dirigere il liceo raguseo, dove era arrivato nel 1792 in qualità di professore di eloquenza.

Alla caduta di Napoleone la città passò in mano agli austriaci: lo studioso rimase nel liceo di Ragusa fino al 1835, quando fu inviato a Zara dove insegnò nel liceo locale. Morì a Zara il 30 gennaio 1837.

Le sue opere più famose sono il saggio Notizie istorico-critiche sulle antichità storia e letteratura de' Ragusei, nel quale racconta la storia dell'antica repubblica e Grammatica della lingua illirica[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DBI

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN100896749 · LCCN: (ENn93066544 · SBN: IT\ICCU\PALV\018914 · ISNI: (EN0000 0001 1579 1317 · GND: (DE1053413750 · BNF: (FRcb126757211 (data) · BAV: ADV10014430