Ponte Rosso (Albenga)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ponte Rosso
Ponte rosso di Albenga.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàAlbenga
Coordinate44°02′49.4″N 8°12′49.9″E / 44.047056°N 8.213861°E44.047056; 8.213861Coordinate: 44°02′49.4″N 8°12′49.9″E / 44.047056°N 8.213861°E44.047056; 8.213861
Dati tecnici
Tipoponte strallato
Materialeacciaio e calcestruzzo
Lunghezza100 m
Larghezza15 m
Carreggiate1
Corsie2
Realizzazione
Costruzione1995-1995
Mappa di localizzazione

Il Ponte Emidio Viveri o più comunemente ponte rosso, è lungo 100 metri ed è largo 15, è costituito da una struttura mista acciaio e calcestruzzo. La sua costruzione si è resa obbligatoria per sostituire il vecchio ponte di ferro gravemente danneggiato dall'alluvione del 5 novembre 1994, è stato inaugurato il 24 dicembre 1995. Sorge nell'esatto punto, dove in passato sono sorti molti degli altri ponti che hanno collegato le due parti della città. Questo ponte è diventato il simbolo ingegneristico di Albenga, infatti è uno dei pochi ponti con una struttura simile presenti in Italia.

È un ponte ad unica campata con una struttura reticolare spaziale in acciaio tubolare, l'impalcato è spesso 140 cm costituito da un cassone chiuso con mensole esterne alleggerite; la soletta è in cemento armato ed assieme alla struttura collabora con la resistenza globale. Per ogni senso di marcia si ha una corsia carrabile ed un marciapiede.

Le caratteristiche architettoniche evidenti e il colore rosso, fanno del ponte una presenza importante per la città, in netto contrasto con il vicino centro storico di Albenga. Il suo costo fu di circa 9 miliardi di Lire.

Sono pochi i ponti nel mondo di questo tipo, cioè ad arco centrale, infatti è stato più volte recensito, apparendo su giornali tipo Costruire, Istituto Italiano della saldatura, l'ARCA, ed altri ancora.

Questo ponte si porta dietro una brutta storia, poiché per la sua edificazione l'amministrazione comunale fu accusata di corruzione e l'allora Sindaco, insieme a parte della giunta, venne arrestato e accusato per corruzione di 500 milioni di lire per un giro di affari di altri 60.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]