Pittore di Lisippide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pittore di Lisippide fu un ceramografo vissuto ad Atene nella seconda metà del VI secolo a.C. L'artista è noto per la produzione di numerose ceramiche a figure nere. Con molta probabilità fu allievo di Exekias e del pittore di Andocide nelle cui botteghe si specializzò nella decorazione a figure nere su anfore bilingui. Per molto tempo la sua produzione fu attribuita da John Beazley al pittore di Andocide, in seguito lo stesso studioso ritenne di doverla attribuire a una diversa personalità alla quale assegnò il nome convenzionale di pittore di Lisippide in base ad una iscrizione kalos trovata su uno dei vasi attribuitigli.

Temi del Pittore di Lisippide[modifica | modifica wikitesto]

Anfore[modifica | modifica wikitesto]

Figure di Ercole e Atena, su anfora, attribuita al Pittore di Lisippide, 520/510 A.C. Proveniente da Vulci ed oggi alla Staatliche Antikensammlungen di Monaco di Baviera.

Dei 204 vasi attribuiti al pittore di Lisippide da Beazley, 112 sono grandi anfore in molte loro varianti: tipo "A", "B", a collo distinto, più quattro esempi di anfore panatenaiche.

Coppe[modifica | modifica wikitesto]

Al pittore di Lisippide sono attribuite 32 coppe di vario tipo. Sono in genere molto grandi ed alcune recano figure di teste di Gorgoni. Questo tipo di raffigurazioni sono tipiche della bottega di Nicostene, frequentata occasionalmente dal pittore di Lisippide.

Altre ceramiche[modifica | modifica wikitesto]

Al pittore di Lisippide sono attribuiti pochi esemplari di crateri a colonnette, oinochoai, psyktères e pyxides con decorazioni simili a quelle che appaiono sulle anfore.

Provenienza[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei vasi prodotti dal pittore di Lisippide fu esportata in Italia. Cinquanta vasi furono rinvenuti in Etruria e pochi esemplari in Sicilia, Egitto e Turchia.

Temi decorativi[modifica | modifica wikitesto]

Il mito di Ercole è il tema decorativo che appare più di frequente nella produzione del ceramista. IT is also a favorite of most Group E vase-painters.[1] Gli episodi del mito più ricorrenti nei 204 vasi catalogati negli archivi Beazley sono "Ercole e il leone di Nemea", "Ercole sul carro con la dea Atena", "Ercole che combatte le Amazzoni" ed "Ercole che combatte i Giganti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Beazley, J.D. The Development of Attic Black-Figure. (pg. 63)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN95757876 · ULAN (EN500012587
Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia