Pista dello Utah Olympic Park

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 40°42′28″N 111°33′50″W / 40.707778°N 111.563889°W40.707778; -111.563889

Visuale della pista dall'esterno
Atleta della nazionale americana juniores di slittino - Matt Wolbach scende alla curva 6 ai "Giochi invernali dello Utah 2010"

La pista dello Utah Olympic Park è un tracciato per bob, slittino e skeleton che si trova a Park City in Utah. Appartiene allo Utah Olympic Park, ed ospitò le gare del bob, dello slittino e dello skeleton ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City. Tuttora la pista viene utilizzata come centro di allenamento e di sviluppo per gli atleti ed è sede di numerosi eventi nazionali e internazionali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1991 Salt Lake City perse per quattro voti la possibilità di ospitare i Giochi Olimpici invernali nel 1998, che vennero affidati alla città di Nagano.[1] Due anni prima, l'Olympic Park, dopo conosciuto come Utah Winter Sport Park, era stato costruito nel tentativo di aggiudicarsi i Giochi Olimpici.[2] La costruzione della pista iniziò il 3 giugno 1994 e fu completata il 28 dicembre 1996.[3] Durante la costruzione del tracciato nel 1995, Salt Lake City fu nominata città ospitante dei Giochi Olimpici 2002.[1] Il tracciato fu percorso per la prima volta davanti ai turisti dallo slittinista Jon Owen il 10 gennaio 1997, precedendo l'inaugurazione ufficiale che si verificava il 25 gennaio dello stesso anno.[3] La prima gara di Coppa del Monod di bob si tenne a novembre 1998 e il tracciato continua ad ospitare dal 2002 tutte e tre le specialità della pista in competizioni di Coppa del Mondo. Durante i Giochi Olimpici del 2002, il tracciato ospitò 74187 spettatori per il bob, 14860 per lo skeleton e 64101 per lo slittino.[4]

Dettagli tecnici della pista[modifica | modifica wikitesto]

Sguardo sulla partenza dei bob, degli skeleton e dello slittino maschile

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche tecniche
Disciplina Lunghezza Curve Dislivello Pendenza
Bob e skeleton 1335 metri 15 103.5 7,80 %
Slittino singolo uomini 1316 metri 17 106 8,10 %
Slittino singolo donne/doppio uomini 1140 metri 12 77 6,80 %

I nomi delle curve furono dati da John Morgan tra il 17 e il 23 dicembre 2006.[5][6] Tutte le curve mostrate sono curve della specialità bob. Lo slittino singolo uomini inizia dopo la curva due mentre lo slittino singolo donne e il doppio uomini inizia dopo la curva tre. Le curve 1, 2, 3, 13 e 15 non hanno un loro nome. La parte di pista tra le curve 14 e 15 è il più veloce, domina il lungo rettilineo finale ed è stato denominato da Morgan "Cimitero" perché si può perdere sia velocità che tempo se si toccano i muri situati ai bordi di quella curva.

Curve
Numero curva Nome Motivazione
4. Sunny corner Parte più soleggiata del tracciato.
5. Snowy corner Parte più nevosa del tracciato.
6., 7., 8., 9., 10. Albert's alley
11. Wasatch Dopo il Wasatch Range in Utah.
12. Olympic Dopo le Olimpiadi invernali.
14. Finish Curve Dopo la curva che precede il rettilineo d'arrivo e l'attuale curva d'arrivo, la numero 15.
Record della pista
Disciplina Record Atleta(i) Data Tempo
Bob a due uomini[7] Spinta Canada Justin Kripps/Jesse Lumsden 9 novembre 2011 4.77
Bob a due donne[8] Spinta Canada Kaillie Humphries/Heather Moyse 14 novembre 2009 5.22
Slittino singolo uomini[9] Spinta Germania David Möller 2 dicembre 2006 2.617
Slittino singolo uomini[10] Pista Austria Markus Prock 11 febbraio 2002 44.271
Slittino singolo donne[10] Pista Germania Sylke Otto 13 febbraio 2002 42.940
Slittino doppio uomini[10] Pista Germania Patric Leitner/Alexander Resch 15 febbraio 2002 42.953

Fino al 2009, il tracciato era considerato il "ghiaccio più veloce a mondo" e proprio qui lo slittinista statunitense Tony Benshoof fece segnare la più altà velocità raggiunta con uno slittino, arrivando a toccare i 139.4 km/h il 16 ottobre 2001.[11][12] La velocità di Benshoof fu però battuta dal tedesco Felix Loch il 21 febbraio 2009 durante la Coppa del Mondo di slittino 2008/2009 al Whistler Sliding Centre in British Columbia, quando raggiunse i 153.98 km/h.[13]

Campionati ospitati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gamesbids.com archives of past awards of Olympic Games. - accessed January 30, 2008.
  2. ^ History of Utah Olympic Park - accessed January 29, 2008.
  3. ^ a b Utah Olympic Park track information - accessed January 29, 2008.
  4. ^ 2002 Winter Olympics official report, Volume 1. pp. 85-86. - accessed January 29, 2008.
  5. ^ "Park City Two-woman". Bobsleigh 2006-07 World Cup. December 17, 2006.
  6. ^ "Park City Two-man". Bobsleigh 2006-07 World Cup. December 23, 2006
  7. ^ Template:FIBT link
  8. ^ Template:FIBT link (13 November 2009 news accessed 14 November 2009.)
  9. ^ Risultato ultima gara Senior ufficiale disputatasi a Park City. Con records in evidenza. Accesso 15 gennaio 2013.
  10. ^ a b c USALuge.org tracks. - Click on Park City, Utah track and scroll down for track records on luge track records. Accessed January 31, 2008.
  11. ^ "Ice". Modern Marvels. February 11, 2007.
  12. ^ United States Olympic Committee profile of Tony Benshoof for the 2006 Winter Olympics in Turin. - accessed January 30, 2008.
  13. ^ Template:FIL-Luge link (22 February 2009 article accessed 22 February 2009.)
  14. ^ FIL World Luge Championships men's single results since 1955
  15. ^ FIL Junior World Championships Park City (USA), Season 2012/2013 - Risultati

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Profilo pista - La pista dello slittino singolo maschile interseca quella del bob alla curva 2 mentre la pista dello slittino singolo femminile e del doppio maschile interseca quella del bob dopo la curva 3.
  • Profilo della pista
  • Sito ufficiale