Pietro Suber

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pietro Suber (Roma, 10 gennaio 1964) è un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato collaborando con Rai Tre (Un giorno in pretura[1] e Samarcanda[2]), Rai Uno (per i programmi di Sergio Zavoli) e con i quotidiani La Repubblica e Il Messaggero.

Alla Rai e a Mediaset si è occupato per molti anni di cronaca giudiziaria, mafia e infine di esteri.

Per Moby Dick (Mediaset), di Michele Santoro, ha seguito il conflitto in Kosovo nel '99. Successivamente le guerre in Afghanistan, in Iraq, in Libia e Ucraina (per il Tg5).

Nel 2007 ha vinto il premio Saint Vincent con un reportage sul cambio di sesso in Iran. Ha vinto tre volte il premio Ilaria Alpi, l'ultima volta nel 2008 con un documentario sulla crisi economica e il boom della psicoanalisi in Argentina.

Ex consigliere nazionale dell'Ordine dei Giornalisti è attualmente vicepresidente dell'Associazione Carta di Roma[3] (fondata dall'Ordine e dalla Fnsi) che si occupa del rapporto tra i media italiani e il tema dell'immigrazione.

Nel 2018 riceve insieme a Michele Giorgio, Sara Manisera e Steve McCurry il Premio Giornalistico Archivio Disarmo - Colombe d'oro per la Pace nell'ambito della XXXIV edizione dell'evento.

Nel 2019 ha avuto una menzione speciale ai Nastri d'argento 2019 per "1938 Quando scoprimmo di non essere più italiani".

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Suber, Inviato di guerra. Verità e menzogne, Roma, Laterza, 2004. sulla manipolazione dell'informazione in guerra.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1938: Quando scoprimmo di non essere più italiani, regia, 2018 (doc)
  • Sierra Leone: la vita al tempo di Ebola, regia, 2015 (doc)
  • Meditate che questo è stato, regia, 2014 (doc)
  • Deutschlandistan: vizi e virtù dell'integrazione tedesca, regia (doc)
  • I piccoli ambasciatori, regia, 2009 (doc)
  • Argentina: un paese sull'orlo di una crisi di nervi, regia, 2008 (doc)
  • I giovani ribelli di Teheran, regia, 2006 (doc)
  • Il sangue dell'Impero, regia, 2004 (doc)[4]
  • Shanghai: il gigante è in cammino, regia 2002 (doc)
  • Lo sciopero della fame nelle carceri turche, regia, 2001 (doc)
  • Il racket della prostituzione tra Kosovo e Romania, regia, 2000 (doc)
  • Il ghetto nel cuore dell'America, regia, 1999 (doc)
  • Le 35 ore in Germania, regia, 1998 (doc)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Home Page - Un Giorno in Pretura, su www.ungiornoinpretura.rai.it. URL consultato il 5 luglio 2017.
  2. ^ Samarcanda - RaiPlay, su www.raiplay.it. URL consultato il 5 luglio 2017.
  3. ^ Homepage, in Associazione Carta di Roma. URL consultato il 5 luglio 2017.
  4. ^ Il sangue dell'impero (TV Movie 2004). URL consultato il 5 luglio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]