Pietro Psaier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esposizione temporanea "Andy Warhol & Pietro Psaier. The Factory New York." presso la Fondazione Mercedes Calles y Carlos Ballestero, Cáceres (Spagna)

Pietro Psaier (193626 dicembre 2004) si afferma sia stato un pittore italiano, del quale tuttavia nel 2008 è stata messa in dubbio la reale esistenza.

Presunta biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si afferma che Psaier sia nato in Italia, nei dintorni di Roma e inizia a lavorare negli anni cinquanta disegnando automobili per Enzo Ferrari[1].

Negli anni sessanta si trasferisce a Madrid e quindi New York dove, lavorando come cameriere al Gaslight Café del Greenwich Village, incontra l'artista Andy Warhol (che lo soprannominerà "Peter l'italiano"): i due diventano così amici, che Psaier frequenterà spesso "The Factory", lo studio di Warhol[1].

Durante gli anni settanta, Psaier lavora su commissione per conto di famose star della musica e del cinema, producendo opere tra l'altro per Keith Moon, Oliver Reed, Michael Caine[1]. Nel 1974, sempre secondo l'agiografia, diventa il secondo più giovane artista premiato dall’Italian American Institute di New York.[2]

A metà degli anni ottanta Psaier, per sfuggire ai creditori, intraprende un viaggio in Tibet e Nepal, continuando a lavorare. Le sue lunghe peregrinazioni lo portano infine in Sri Lanka, dove drammaticamente la sua casa in riva all'oceano viene distrutta dal terribile tsunami del 26 dicembre 2004. Il suo corpo non è stato più ritrovato[1].

I dubbi sulla sua esistenza[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2008 la casa d'aste Nicholson's ha annullato una vendita dei suoi quadri in seguito alle voci, sempre più insistenti, che dubitano che Pietro Psaier sia realmente esistito.[3][4]

I primi dubbi, pubblicati dal sito warohlstars.org,[5] si sono ingigantiti congiuntamente all'impossibilità di confermare molte notizie della biografia ufficiale. Ad esempio Vincent Fremont, collaboratore di Warhol dal 1969, ha affermato di non aver conosciuto Pietro Psaier: «Ero sempre con Andy ed eseguivo i pagamenti dei collaboratori. Non ricordo nessun Psaier e non c'è alcun accenno a lui nei diari di Warhol. Se fosse esistito e avesse frequentato la Factory, non avrei potuto non incontrarlo».

Al contrario Carlos Langelaan Alvarez - sedicente amico e psichiatra di Psaier - ha dichiarato a un emissario della Nicholson in Spagna di avere avuto in cura Psaier tra il 1979 e il 1992: «Era un artista completo, con qualche problema di droga. Nel 1983 mi ha fatto conoscere Warhol, che era venuto a vedere i suoi lavori alla galleria Fernando Vijande di Madrid».[6]

Nonostante ciò, le opere attribuite a Psaier continuano ad essere sporadicamente esposte in eventi pubblici e gallerie private. Nel 2012, ad esempio, sono state esposte in una mostra itinerante insieme alle opere di Andy Warhol a Follonica e a Porto Santo Stefano.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Presunta Biografia Archiviato il 3 maggio 2014 in Internet Archive.
  2. ^ In realtà il John D. Calandra Italian American Institute of Queens College di New York è stato fondato solo nel 1979, come si può evincere dal sito istituzionale Archiviato l'8 settembre 2006 in Internet Archive..
  3. ^ La Repubblica 17/08/2008
  4. ^ ArtHistory, Who on Earth was Pietro Psaier
  5. ^ WarholStars
  6. ^ La Stampa 17/9/2008 Archiviato il 20 settembre 2008 in Internet Archive.
  7. ^ ORDINARY WORLD. Andy Warhol, Pietro Psaier and the Factory artworks

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24368461 · ISNI (EN0000 0000 4851 7229 · LCCN (ENno2007003491 · WorldCat Identities (ENno2007-003491