Pietro Cotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Cotti

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 9 dicembre 1898 –
18 gennaio 1912
Legislature XX

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Magistrato; avvocato

Pietro Cotti (Grazzano Monferrato, 15 giugno 1826Roma, 18 gennaio 1912) è stato un magistrato, avvocato e politico italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

In magistratura dal 1853 è stato giudice ai tribunali di Voghera, Pallanza e Varallo, sostituto procuratore a Varallo e Bologna, caposezione, ispettore generale alle cancellerie giudiziarie e capo della direzione generale del fondo per il culto al ministero di giustizia. Dal 1875 al 1882 è consigliere della corte d'appello di Venezia per poi passare alla Corte dei conti, dove è stato presidente di sezione. Consigliere comunale di Grazzano per dieci anni, nominato senatore a vita nel 1898.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Grande Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia
Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]