Piano Zucchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piano Zucchi
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Palermo-Stemma.png Palermo
ComuneIsnello-Stemma.png Isnello
Territorio
Coordinate37°54′04″N 13°59′56″E / 37.901111°N 13.998889°E37.901111; 13.998889 (Piano Zucchi)Coordinate: 37°54′04″N 13°59′56″E / 37.901111°N 13.998889°E37.901111; 13.998889 (Piano Zucchi)
Altitudine1 075 m s.l.m.
Abitanti0 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale90010
Prefisso0921
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Piano Zucchi
Piano Zucchi

Piano Zucchi è una località di montagna a quota 1100 m s.l.m., unica frazione del comune di Isnello nella città metropolitana di Palermo, in mezzo ad un fitto querceto nel cuore del Parco delle Madonie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nella zona A del Parco delle Madonie con vista sul mar Tirreno, a 5 km in linea d'aria e a 35 km da Cefalù, tra le montagne più alte della Sicilia: il Pizzo Carbonara (1979 m) e il Monte dei cervi (1794 m) ed è posto su un cocuzzolo ricco di boschi di faggio, pini, querce secolari, abeti, sambuchi e lecci.

Nel 1910 il Club Alpino Siciliano costruisce il rifugio Luigi Orestano, devastato nel 2008 da un incendio e chiuso da allora[1]. Nei primi anni settanta, al fine di sviluppare il turismo montano, si diede vita ad un piano di lottizzazione, con la costruzione di una serie di ville e residenze dal caratteristico aspetto delle case di montagna. Nel 1976 fu edificata la chiesetta dedicata a San Paolo Apostolo.

Dal punto di vista naturalistico sono interessanti alcuni esemplari di leccio (Quercus ilex) che raggiungono notevoli dimensioni.

Poco distante si trova la stazione sciistica di Piano Battaglia e un laghetto artificiale[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fantasmi sulle Madonie, viaggio tra gli alberghi abbandonati di Piano Zucchi, in PalermoToday. URL consultato il 18 dicembre 2017.
  2. ^ Lago Piano Zucchi, su www.cefalumadoniehimera.it. URL consultato il 18 dicembre 2017.
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia