Pizzo Carbonara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pizzo Carbonara
Pizzo Carbonara.jpg
Pizzo Carbonara visto da Pizzo Cervi
StatoItalia Italia
RegioneSicilia Sicilia
ProvinciaPalermo Palermo
Altezza1 979 m s.l.m.
Prominenza1 196 m
CatenaMadonie
Coordinate37°53′39.16″N 14°01′23.28″E / 37.894212°N 14.023134°E37.894212; 14.023134Coordinate: 37°53′39.16″N 14°01′23.28″E / 37.894212°N 14.023134°E37.894212; 14.023134
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Sicilia isola
Pizzo Carbonara
Pizzo Carbonara

Il Pizzo Carbonara (1979 m s.l.m) è la montagna più alta delle Madonie ed è la seconda della Sicilia dopo l'Etna (3340 m); è posta alla base di un altopiano carsico comprendente il Pizzo Antenna o della Principessa (1977 m) ed il Pizzo Palermo (1964 m).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Pizzo Carbonara si trova nel territorio della città metropolitana di Palermo, a sud della famosa cittadina turistica di Cefalù. Si presenta come una serie di creste nude e arrotondate separate da doline e valli dove si sviluppa la faggeta. Le rocce carbonatiche che costituiscono questo rilievo si sono formate in ambiente di scogliera nel Triassico ed è facile incontrare sull'altopiano i fossili di corallo, molluschi e spugne calcaree. L'altopiano, con doline e valli e creste arrotondate, è delimitato da pareti a strapiombo verso ovest e verso nord.

Emergenze ambientali del Carbonara sono le morfologie carsiche di superficie, tra cui si annoverano alcune doline a imbuto ove la neve si accumula in inverno e resiste per tutta l'estate a causa delle particolari condizioni microclimatiche (ad esempio il nevaio della Principessa). In questo habitat è presente una farfalla endemica: la Parnassius apollo ssp. siciliae.

Nelle giornate senza foschia, lo spettacolo che si può ammirare dalla vetta è straordinario: verso nord si distinguono spesso le Isole Eolie, ad est si vede la Catena dei Nebrodi e a volte anche il vulcano Etna (3340 m). Verso sud si distingue la vetta del Monte Cammarata (1578 m), sui Monti Sicani. Ad ovest è possibile riconoscere la Rocca Busambra (1613 m) e la costa settentrionale fino ai Monti di Palermo.

Il clima è di tipo appenninico, diverso dal clima mediterraneo siciliano. D'estate la temperatura fatica a superare i 20 C°, mentre la notte scende facilmente verso i 5 C°. D'inverno raramente si va sopra gli 0 C°, con temperature minime che oscillano intorno ai -10 C°.

Molto forte era il riscontro etno-antropologico in questi luoghi, infatti a questo Massiccio era particolarmente legata la conservazione, trasporto e vendita della neve nei periodi estivi (Neviere e Nevaioli), senza dimenticare la cultura della pastorizia la cui testimonianza è ancora visibile dai resti dei Marcati in pietrame ancora presenti in molte parti della zona.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

È geomorfologicamente, tra gli areali del Parco delle Madonie, quello in cui sono contenute le vette più alte della Sicilia (Etna esclusa). Si ritrovano contenuti fossiliferi degli affioramenti rocciosi in cui spiccano Spugne, Coralli o altri organismi biocostruttori, il paesaggio carsico che si scorge alle quote più alte, la particolare flora unita alla splendida faggeta, gli spettacolari punti panoramici.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]