Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Pi4 Orionis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pi4 Ori A / B
Orion charta.png
Mappa della costellazione di Orione. π4 Orionis è visibile nell'asterismo dello scudo di Orione, a ovest di Bellatrix (destra nell'immagine).
ClassificazioneGigante blu
binaria spettroscopica[1]
Classe spettraleB2III / B2IV[2]
Distanza dal Sole~1300 al
(400 pc)
CostellazioneOrione
Redshift0,000078[1]
Coordinate
(all'epoca J2000.0[1])
Ascensione retta04h 51m 12,364s
Declinazione+05° 36′ 18,37″
Lat. galattica-23,5223°
Long. galattica192,8903°
Dati fisici
Raggio medio9 / 7 R
Massa
12 / 10 M
Velocità di rotazione
(incerto)
40000 m/s[3]
Temperatura
superficiale
21.800 K (media)
Luminosità
A: 16.200 L
B: 10.800 L
Metallicità50%
Età stimata< 20 milioni di anni
Dati osservativi
Magnitudine app.3,69[3]
Magnitudine ass.-4,25
Parallasse2,59 mas[1]
Moto proprioRA: -3,62h mas/anno[1]
Dec: 1,03° mas/anno[1]
Velocità radiale23,3 km/s[1]
Nomenclature alternative
π4 Orionis, 3 Ori, BD+05°745, FK5 179, HD 30836, HIP 22579, HR 1552, NSV 1742, SAO 112142[1]

Coordinate: Carta celeste 04h 51m 12.364s, +05° 36′ 18.37″

Pi4 Orionis4 Ori / π4 Orionis) è una stella visibile nella costellazione di Orione, a sud-est di Aldebaran, nell'asterismo dello scudo di Orione. Appare come un oggetto di magnitudine 3,69.
Dista circa 1300 anni luce dal Sole ed è una delle più luminose conosciute.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste boreale, ma molto in prossimità dell'equatore celeste; ciò comporta che possa essere osservata da tutte le regioni abitate della Terra senza alcuna difficoltà e che sia invisibile soltanto nelle aree più interne del continente antartico. Nell'emisfero nord invece appare circumpolare solo molto oltre il circolo polare artico. La sua magnitudine pari a 3,7 fa sì che possa essere scorta anche nei piccoli e medi centri urbani.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra fine ottobre e aprile; da entrambi gli emisferi il periodo di visibilità rimane indicativamente lo stesso, grazie alla posizione della stella non lontana dall'equatore celeste.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

π4 Orionis è una binaria spettroscopica,[1] cioè l'esistenza della compagna può essere desunta solo dallo spostamento nelle righe spettrali, ma non per osservazione telescopica diretta. La primaria è una gigante blu, con temperatura superficiale di 21.800 K[4] ed appartenente alla classe spettrale B2III+.[1][3] La compagna, una stella subgigante, completa un'orbita in 9,519 giorni.[4]

La luminosità totale del sistema è di circa 27.000 volte quella solare.[4] Supponendo che la gigante sia più brillante di 1,5 volte rispetto alla compagna (valori tipici per questa classe di stelle), le rispettive luminosità sarebbero pari a 16.200 e 10.800 volte quella solare. Le stime di temperatura e luminosità suggeriscono che entrambe le stelle appartengano alla sequenza principale e che abbaiano un'età inferiore a 20 milioni di anni.[4]

I valori di distanza e velocità radiale lasciano supporre che le stelle appartengano, come la gran parte delle stelle blu presenti nella costellazione di Orione, all'Associazione OB1 di Orione.[4] Le poche informazioni disponibili non permettono di affermare con certezza che il sistema evolverà verso una supernova, sebbene le condizioni di geometria e massa sembrano suggerire un'evoluzione in tal senso.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j (EN) NSV 1742 (π4 Orionis), SIMBAD. URL consultato il 01-08-2009.
  2. ^ MiMeS survey of magnetism in massive stars (Wade+, 2016)
  3. ^ a b c (EN) π4 Orionis, alcyone.de. URL consultato il 01-08-2009.
  4. ^ a b c d e f (EN) Jim Kaler, Pi-4 Orionis, in Stars. URL consultato il 01-08-2009 (archiviato dall'url originale il 26 luglio 2009).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni