Pasta del cornuto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pasta del cornuto
Origini
Altri nomiPasta dei cornuti
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneCampania
DiffusioneItalia
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principali
  • pasta
  • burro
  • Parmigiano
  • pepe

La pasta del cornuto o pasta dei cornuti è un piatto tradizionale di Napoli che si prepara condendo degli spaghetti o rigatoni con burro, Parmigiano e pepe.[1]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

La pasta del cornuto prende il nome dalla leggenda secondo cui una donna con delle relazioni extraconiugali, non avendo molto tempo a disposizione in quanto lo trascorreva con i suoi amanti, doveva preparare un piatto facile e veloce per soddisfare il marito prima che tornasse a casa. Dal momento che le donne in passato avevano pochi obblighi e doveri e i loro compiti erano relegati alla sfera domestica, un uomo poteva pertanto insospettirsi di sua moglie se questa gli preparava un piatto poco elaborato.[1][2][3][4]

Nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

A causa della semplicità della ricetta, il termine "pasta dei cornuti" viene usato oggi nel Sud Italia per definire un piatto di pasta poco ispirato.[2]

Diversamente da quanto capita a Napoli, a Roma e nel Lazio il termine "pasta dei cornuti" identifica la pasta con aglio, olio e peperoncino.[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Pasta dei «cornuti» il piatto simbolo del tradimento? Ha due soli ingredienti, su corriere.it. URL consultato il 31 agosto 2022.
  2. ^ a b La pasta dei cornuti: se ve la offrono non è un'offesa, su lacucinaitaliana.it. URL consultato il 31 agosto 2022.
  3. ^ Pasta dei Cornuti: la Ricetta del Semplicissimo Primo Napoletano, su amalfinotizie.it. URL consultato il 31 agosto 2022.
  4. ^ Dalla pasta dei cornuti al Cazzimperio, i piatti più irriverenti della tradizione, su repubblica.it. URL consultato il 31 agosto 2022.
  5. ^ Roma e il Lazio, Touring Il Viaggiatore, 2002, p. 22.
  6. ^ (EN) Katie Parla, Kristina Gill, Tasting Rome Fresh Flavors and Forgotten Recipes from an Ancient City: A Cookbook, Clarkson Potter/Ten Speed, 2016, p. 90.