Passo della Novena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Passo della Novena
Il ristorante in cima al passo
StatoBandiera della Svizzera Svizzera
Regione  Ticino
  Vallese
Località collegateUlrichen
Airolo
Altitudine2 478 m s.l.m.
Coordinate46°28′37.56″N 8°23′15″E / 46.4771°N 8.3875°E46.4771; 8.3875
Altri nomi e significatiNufenenpass (tedesco)
InfrastrutturaStrada asfaltata
Costruzione del collegamento1965-1969
Pendenza massima13%
Lunghezza37 km
Chiusura invernaleda ottobre a giugno
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Passo della Novena
Passo della Novena

Il passo della Novena (in tedesco: Nufenenpass) è un valico alpino a 2.478 m s.l.m. di altitudine[1] in Svizzera che mette in collegamento la Valle di Goms nell'alto Vallese con la Val Bedretto nell'alto Ticino.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nufenen Pass
La strada che sale al passo

È il secondo valico alpino più alto della Svizzera dopo quello dell'Umbrail (2.503 m s.l.m.), seguito dal Passo della Furka (2.436 m s.l.m.). La strada del passo fu costruita tra il 1965 e il 1969, anno nel quale fu aperta al traffico motorizzato.[2] Conduce da Ulrichen, in Canton Vallese, paesino a 36 km da Briga, ad Airolo, nel Canton Ticino. Precedentemente il passo era ubicato circa 500 m più a Sud di quello attuale a 2.439 m s.l.m. Si tratta di una via che fu in passato molto importante per il traffico tra il Ticino e il Vallese, descritta in numerose pubblicazioni storiche (si menzionava il passo già nel XII secolo). Nei pressi si trovano il Lago Gries e la Capanna del Corno Gries, il Passo del Corno con l'omonimo laghetto e il punto più a ovest del Canton Ticino. Nella zona del passo della Novena si trovano le sorgenti del fiume Ticino e dell'Ägene.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA.VV., I dintorni di Airolo, in Svizzera: Losanna, Ginevra, Zurigo, Canton Ticino, Grigioni, San Gallo, Bernese, Guide d'Europa, Touring club italiano, 2002, p. 60. URL consultato il 12 novembre 2020.
  2. ^ (EN) News and Views: new Swiss Pass, in Autocar, 131 (nbr 3834), 14 agosto 1969, p. 50.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN170260193 · GND (DE4531012-9