Passo della Novena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Passo della Novena
Nufenenpass-restaurant.jpg
Il ristorante in cima al passo
StatoSvizzera Svizzera
RegioneVallese Vallese
Ticino Ticino
Località collegateUlrichen
Airolo
Altitudine2 478 m s.l.m.
Coordinate46°28′37.56″N 8°23′15″E / 46.4771°N 8.3875°E46.4771; 8.3875Coordinate: 46°28′37.56″N 8°23′15″E / 46.4771°N 8.3875°E46.4771; 8.3875
Altri nomi e significatiNufenenpass (tedesco)
InfrastrutturaStrada asfaltata
Costruzione del collegamento1965-1969
Pendenza massima13%
Lunghezza37 km
Chiusura invernaleda ottobre a giugno
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Svizzera
Passo della Novena
Passo della Novena

Il passo della Novena o della Nufenen (in tedesco: Nufenenpass) è un valico alpino a 2.478 m s.l.m. di altitudine[1] in Svizzera che mette in collegamento la Valle di Goms nell'alto Vallese con la Val Bedretto nell'alto Ticino.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nufenen Pass
La strada che sale al passo

È il secondo valico alpino più alto della Svizzera dopo quello dell'Umbrail (2.503 m s.l.m.). La strada del passo fu costruita tra il 1965 e il 1969, anno nel quale fu aperta al traffico motorizzato.[2] Conduce da Ulrichen, in Canton Vallese, paesino a 36 km da Briga, ad Airolo, nel Canton Ticino. Precedentemente il passo era ubicato circa 500m più a Sud di quello attuale a 2439 m s.l.m. Si tratta di una via che fu in passato molto importante per il traffico tra il Ticino e il Valles, descritta in numerose pubblicazioni storiche (si menzionava il passo già nel XII secolo). Nei pressi si trovano il Lago Gries e la Capanna del Corno Gries, il Passo del Corno con l'omonimo laghetto e il punto più a ovest del Canton Ticino. Nella zona del passo della Novena si trovano le sorgenti del fiume Ticino e dell'Ägene.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA.VV., I dintorni di Airolo, in Svizzera: Losanna, Ginevra, Zurigo, Canton Ticino, Grigioni, San Gallo, Bernese, Guide d'Europa, Touring club italiano, 2002, pp. 60. URL consultato il 12 novembre 2020.
  2. ^ (EN) News and Views: new Swiss Pass, in Autocar, 131 (nbr 3834), 14 agosto 1969, pp. 50.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN170260193 · GND (DE4531012-9