Parco delle colline

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco delle colline
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBrescia
Caratteristiche
TipoParco locale di interesse sovracomunale
Superficie4000 ha[1]

Il parco delle colline di Brescia è un parco locale di interesse sovracomunale (PLIS). È l'area verde più estesa della città, con un'estensione pari a 4000 ettari,[1] di cui oltre 2.100 ha sono compresi entro i confini comunali, i rimanenti distribuiti in altri cinque comuni confinanti.[2]

È un parco naturale istituito per preservare il Monte Maddalena e i Ronchi, le colline che si trovano immediatamente a nord-est del centro storico di Brescia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'iter di creazione del parco inizia nel settembre del 1995, quando il comune di Collebeato definì un perimetro all'interno dei propri confini e presentò alla Regione Lombardia domanda di riconoscimento come PLIS (Parco Locale di Interesse Sovracomunale).[3]

Nel 1997 al progetto del PLIS aderirono i comuni di Brescia, Botticino, Cellatica, Collebeato, che nel 2002 firmarono convenzione, definendo gli obiettivi principali e gli organi costitutivi del parco.[3]

Nel novembre 2002 la Provincia di Brescia riconosce l'istituzione del PLIS; a Collebeato si aggiungono i comuni di Bovezzo, Brescia, Cellatica e Rodengo Saiano e infine, nel gennaio 2008, il comune di Rezzato.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Comune di Brescia - Portale istituzionale, su www.comune.brescia.it. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  2. ^ Comune di Brescia - Portale istituzionale, su www.comune.brescia.it. URL consultato il 13 febbraio 2019.
  3. ^ a b c Comune di Brescia - Portale istituzionale, su www.comune.brescia.it. URL consultato il 13 febbraio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Nastasio (a cura di), Itinerari nel Bresciano. La storia del territorio, i valori dell'ambiente, Collebeato e il parco delle colline bresciane, Quaderni del Settore Ecologia della Provincia di Brescia, Grafo, Brescia 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]