Parco archeologico Novi Ark

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco archeologico Novi Ark
Foro del parco archeologico Novi Ark.jpg
Il parco archeologico Novi Ark con lo sfondo dell'ex Foro boario (oggi Facoltà di Economia)
CiviltàRomana
EpocaI secolo a. C.-V secolo d.C.
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneModena
Dimensioni
Superficie24 000 
Altezza7,5 m
Larghezza118 m
Scavi
Data scoperta2009
OrganizzazioneSoprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia-Romagna
ArcheologoLuigi Malnati
Amministrazione
PatrimonioMusei Civici di Modena
EnteComune di Modena
Visitabilesi
Sito webwww.museicivici.modena.it/it/i-musei-sul-territorio/novi-ark
Mappa di localizzazione
Coordinate: 44°39′03.24″N 10°55′21.04″E / 44.650901°N 10.92251°E44.650901; 10.92251

Il parco archeologico Novi Ark o NoviArk è un sito archeologico e un museo all'aperto situato a Modena,[1] che si estende per circa due ettari all'interno del parco Novi Sad,[2] nei pressi dell'ex Foro boario,[3] oggi sede della facoltà di economia dell'Università di Modena e Reggio Emilia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa dell'area archeologica

Tra il 2009 e il 2011 l'area del parco Novi Sad (un tempo usato come Piazza d'Armi e poi come ippodromo) è stato oggetto di una grande riqualificazione urbanistica costata 35 milioni di euro, al fine di realizzare un grande parcheggio interrato a due piani (chiamato NoviPark) al di sotto dell'area verde.

Scavi del 2009-2011

Durante gli scavi, organizzati dalla soprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia-Romagna su una superficie di 24000 m², sono stati rinvenuti numerosi reperti archeologici databili tra l'età del ferro e il XVII secolo, ma con prevalenza di oggetti databili tra il I secolo a. C. e il V secolo d.C.. In particolare, è stata rinvenuta una strada acciottolata di epoca romana, lunga 114 metri e larga 5 metri, che presumibilmente costituiva un'importante via di comunicazione tra le antiche Mutina e Mantua (sono ben visibili i solchi carrai profondi che testimoniano l'intenso traffico di carri), una necropoli con 493 sepolture (di cui 327 di età romana, 45 medievali e 116 pertinenti agli appestati del 1630) e due edifici rurali con annessi impianti produttivi e vasche. Infine sono state rinvenute anche tre grandi discariche con anfore di terracotta, cocci e altri reperti archeologici.[4] Sono stati rinvenuti anche 14 proiettili a forma di ghianda probabilmente usati durante un assedio bellico.[5]

La strada romana rimontata in superficie

Vista la necessità di realizzare il grande parcheggio sotterraneo NoviPark, è stato studiato e realizzato un progetto di recupero e valorizzazione dei reperti archeologici rinvenuti. Il sito archeologico è stato così "smontato" dal livello di ritrovamento (posto a cinque metri di profondità) e "rimontato" in superficie per renderlo visibile e fruibile al pubblico. La lunga strada selciata di epoca romana, i cui ciottoli di media-grande dimensione erano stati tutti catalogati e numerati, è stata rimessa in direzione nord-sud, lungo l'asse di simmetria corto dell'ovale della piazza d'Armi, mentre ai lati sono state collocate quindici are e steli funerarie della necropoli di età imperiale lungo un percorso di visita. Sono stati ricostruiti anche i perimetri dei due edifici rurali di epoca tardoantica romana (III-VI secolo d.C.),[6] con un pozzo in pietra, una vasca rettangolare con fondo in ciottoli, forse impiegata per lavare il mantello di lana degli ovini prima della tosatura, e una piscina circolare (con diametro di quattordici metri) in mattoni trapezoidali già impiegata per l'allevamento ittico delle carpe.[7]

Esposizione di anfore romane

Nel sottosuolo del parcheggio è stata realizzata un'esposizione di trecento anfore di terracotta rinvenute nella grande discarica di epoca romana.[8]

Infine sono stati installati diversi pannelli informativi che illustrano i reperti e le la storia degli antichi modenesi che vivevano nella Mutina floridissima et splendidissima, una delle più importanti città della pianura padana.

Il parco archeologico è stato ufficialmente inaugurato il 21 luglio 2012, con uno spettacolo presentato dallo scrittore Valerio Massimo Manfredi.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dallo scavo alla valorizzazione: Benvenuti al Novi Ark, il nuovo parco museo archeologico di Modena, su oprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara (SABAP-BO) settore ARCHEOLOGIA. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  2. ^ Parco Novi Sad - Archeologia di uno spazio urbano, su oprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara (SABAP-BO) settore ARCHEOLOGIA.
  3. ^ Novi Ark, su Touring Club Italiano. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  4. ^ Novi Ark, su Musei civici di Modena. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  5. ^ (EN) Nic Fields, Mutina 43 BC: Mark Antony's struggle for survival, New York, Bloomsbury Publishing, 2018, p. 187.
  6. ^ Modena, vandali in azione: reperti storici distrutti al Novi Ark, in Gazzetta di MOdena, 26 maggio 2018.
  7. ^ Parco Archeologico Novi Ark, su Visit Modena. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  8. ^ Parcheggio del Centro (ex Novi Park), su Comune di Modena. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  9. ^ Ivan Boni, Si inaugura il parco archeologico Novi Ark di Modena, 20 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]