Paolo Lombardi (fotografo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paolo Lombardi (Siena, 1827Siena, 1890) è stato un fotografo italiano.

Fotografo professionista, fu attivo a Siena fin dal 1849 (come egli stesso dichiara nel frontespizio dei suoi cataloghi commerciali), anche se di questo periodo non sono pervenuti dagherrotipi e calotipi. La documentazione di cui disponiamo inizia a partire dal 1858 circa.

È il primo fotografo documentato a Siena ed uno dei primi in Italia, di 3-4 anni precedente ai Fratelli Alinari[1].

Dopo il 1849 aprì un negozio alla Costarella, a due passi da Piazza del Campo. La sua produzione principale fu quella di ritrattista e di vedutista di Siena e dintorni, ma dedicò particolare attenzione alle opere d'arte senesi, documentate in una raccolta di oltre 3000 negativi. La fama di ritrattista gli procurò la clientela più in vista della città e documentò i costumi delle Contrade, tanto che all'Esposizione provinciale del 1862 vinse un premio[1].

Partecipò all'Esposizione Universale di Parigi del 1867, alla Fiera mondiale di Vienna del 1873, dove espose fotografie al carbone, e alla Prima Esposizione Fotografica di Firenze del 1887 in cui presentò la riproduzione del pavimento del Duomo di Siena in tavole platinotipiche [2]. Si trattava del procedimento tecnico sicuramente più costoso dell'intera gamma delle antiche tecniche di stampa ed il risultato finale era tra i più precisi e raffinati poiché venivano usati i sali di platino, i quali però avevano un costo molto elevato[3]. Nel 1867 eseguì anche un celebre ritratto a Giuseppe Garibaldi in visita a Siena, poi accuratamente colorato a mano[1].

Il figlio Galileo proseguì l'attività paterna, cui seguirono i nipoti. Nel 1914 ai Lombardi subentra il fotografo Ghino Cesarini (1884-1959) fino al 1935, che aveva sposato Bettina Lombardi, quando l'Istituto Luce acquistò l'archivio Lombardi, composto da 3745 lastre per la maggior parte nel formato 20x26 cm. e in misura minore nel formato 27x35 cm. e 30x40 cm[4]. Una parte importante della produzione fotografica è di proprietà del Monte dei Paschi[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Paolo Lombardi, in ICCD-Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. URL consultato il 19-3-2018.
  2. ^ Paolo Lombardi, in Archivio Storico dell'Università di Bologna. URL consultato il 19-3-2018 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2018).
  3. ^ Silvia Silvestri, Alla riscoperta di Siena, in Informatore - Unicoop Firenze, maggio 2004. URL consultato il 19-3-2018.
  4. ^ Lucio Rocchetti, Lombardi Paolo, in Gruppo Ricerca Immagine, 22 giugno 2014. URL consultato il 19-3-2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Piero Becchetti, Fotografi e fotografia in Italia, 1839-1880. Quasar, Roma, 1978
  • Fotografia italiana dell’Ottocento, a cura di Marina Miraglia, Daniela Palazzoli, Italo Zannier, Electa / Fratelli Alinari, Milano, Firenze, 1979
  • Monica Maffioli, Il bel vedere: fotografi e architetti nell'Italia dell'Ottocento, Società Editrice Internazionale, Torino, 1996
  • Fotografi a Siena nell'800, a cura di Monica Maffioli, Omar Calabrese, Giuliano Catoni, Fratelli Alinari, Firenze, 2001

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64280743 · ISNI (EN0000 0000 6663 4963 · GND (DE117197998 · BNF (FRcb14976359n (data) · ULAN (EN500020161 · CERL cnp01387370 · WorldCat Identities (ENviaf-64280743